Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Contagi a scuola, due Comuni napoletani costretti a chiudere alcuni istituti

Situazioni da monitorare a San Giorgio a Cremano e a Somma Vesuviana: "Obbligati alla cautela per il rischio di focolai"

Scuola e Covid. Un binomio che divide e fa discutere dall'inizio della pandemia. Due Comuni del Napoletano, San Giorgio a Cremano e Somma Vesuviana, da domani, lunedì 3 maggio, adotteranno nuove restrizioni per quanto riguarda la partecipazione in classe degli stuenti.

“Da domani a Somma Vesuviana in presenza al 50 per cento le medie - afferma il sindaco Giuseppe Di Sarno - Per quanto riguarda le scuole superiori da domani didattica in presenza per le Quinte nella misura disposta dai dirigenti scolastici e didattica a distanza per le Prime, le Seconde, le Terze e le Quarte superiori. Didattica in presenza per la scuola dell’infanzia. Inoltre da una verifica effettuata sulla piattaforma E- COVID è emerso che l’incidenza sui nuovi positivi è rilevante per la fascia di età dagli 8 agli 11 anni. Per questo motivo, in merito alle Scuole Elementari prevediamo il ritorno in presenza solo per le Prime e le Seconde Elementari, mentre le Terze, le Quarte e Quinte Elementari proseguiranno con didattica a distanza. Confermiamo però la chiusura di tutti i plessi scolastici della Scuola Elementare del Primo Circolo Didattico “Raffaele Arfè” in quanto siamo in attesa della fine dell’isolamento sanitario. Tutti i bambini del Primo Circolo Didattico almeno fino al 7 Maggio proseguiranno con la DAD. Un caso di positività si è registrato nella platea scolastica del Plesso della Scuola Media “Summa Villa” di Via Aldo Moro. Il caso è stato circoscritto, si sta procedendo alla sanificazione degli ambienti. Il plesso, però resterà chiuso per 14 giorni in quanto sono in isolamento sanitario precauzionale 11 docenti e dunque sarebbe stata impossibile la didattica in presenza. Restano comunque consentite in presenza le attività destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e\o con disabilità, il cui svolgimento in presenza è consentito previa valutazione, da parte dell’ Istituto scolastico, delle specifiche condizioni di contesto. Avrei voluto fare di più ma non è possibile”.

Situazione non dissimile a San Giorgio. "Mai avrei voluto dover chiudere un plesso o una scuola, ma oggi ne devo chiudere ben due - ha comunicato il sindaco Giorgio Zinno attraverso la sua pagina Facebook - Il primo focolaio si trova nel plesso Marconi dell'I.C. Massimo Troisi, dove vi sono attualmente due casi in una terza media e altri due casi in una seconda. Nel Liceo Carlo Urbani vi sono tre casi in una classe terza e quattro casi in una prima. Anche questi nuovi positivi, sono compagni di classe di due alunni che si erano positivizzati e che si trovavano in quarantena. Ho ricevuto poco fa da parte del Responsabile dell'Ambito 3 della ASL Napoli 3 Sud le relazioni sulla situazione epidemiologica di entrambe le scuole, in cui é esplicitamente indicata la necessità di provvedere alla chiusura delle stesse per 14 giorni a partire daL 30 aprile, in quanto, secondo i criteri stabiliti dall Asl Na3 Sud, se vi sono nello stesso plesso in due classi diverse almeno due casi positivi, si procede alla chiusura della scuola". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contagi a scuola, due Comuni napoletani costretti a chiudere alcuni istituti

NapoliToday è in caricamento