Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Consegne a domicilio: "Riaperte 600 pizzerie. Sfornate 60mila pizze"

I datti dell'Associazione verace pizza napoletana: "Nella città metropolitana di Napoli ha ripreso il 30 per cento delle attività. Segnali importanti dai cittadini. Dal 4 maggio torna anche l'asporto"

 

"Un piccolo paso verso la normalità, il segnale che i cittadini volevano qualcosa di diverso". Stefano Auricchio, presidente dell'Associazione verace pizza napoletana, commenta così il primo giorno di ritorno alle consegne a domicilio. "Tra Napoli e primo cerchio della provincia sono state riaperte circa 600 attività, intorno al 30 per cento del totale. Dai dati che abbiamo, mediamente, ogni pizzeria ha sfornato poco più di cento pizze" . 

Un dato, quello delle pizzerie, migliore rispetto ai bar e alle pasticcerie, quasi tutti rimasti chiusi. D'altro canto, anche la maggioranza dei pizzaioli non ha riaperto: "C'è chi ha avuto bisogno di più giorni per la sanificazione, oppure è stato rallentan dalla burocrazia. Non mi preoccupo, è il segno che le cose sono state fatte per bene. L'inizio sarà difficile, ma si doveva ripartire in qualche modo. Abbiamo avuto rassicurazioni dal Governo sulla volontà di confermare il ritorno dell'asporto dal 4 maggio. Vuol dire che i clienti potranno anche venire a ritirare le pizze". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento