Terra dei fuochi, condannato l'imprenditore Cipriano Chianese

Inflitti in appello 18 anni di carcere per lo scandalo della discarica Resit

L'imprenditore Cipriano Chianese è stato condannato per disastro ambientale in relazione alla discarica Resit di Giugliano in Campania anche dalla Corte di Appello di Napoli. Colpevolezza confermata ma pena leggermente ridotta (i giudici di primo grado avevano inflitto 20 anni, in secondo grado sono stati inflitti 18 anni di carcere).

Assolti dalla Corte di Appello molti altri imputati. Tra questi anche l'allora sub commissario all'emergenza rifiuti in Campania Giulio Facchi (in primo grado era stato condannato in primo grado a 5 anni e 6 mesi) e gli imprenditori di origini casertane Generoso, Raffaele ed Elio Roma (in primo grado furono condannati rispettivamente a 5 anni e mezzo i primi due e sei anni l'ultimo).

Condannati anche Gaetano Cerci, imprenditore dei rifiuti ritenuto legato in affari al clan dei Casalesi, in particolare della famiglia Bidognetti, a 15 anni di reclusione.  Condannato a dieci anni (in primo grado gli erano stati inflitti 12 anni) anche Remo Alfani, mentre sono stati assolti gli altri funzionari pubblici coinvolti nell`inchiesta.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Lutto in Prefettura, muore 65enne nel giorno del suo compleanno

Torna su
NapoliToday è in caricamento