Cronaca

Controlli a tappeto in ristoranti e ville, interrotta comunione dai carabinieri: multati invitati e titolare

Chiuso per 5 giorni un locale per cerimonie in via Manzoni

Continuano i controlli dei carabinieri del comando provinciale di Napoli. Nel quartiere Chiaia sono state contestate ben 22 violazioni al coprifuoco. Una persona è stata invece arrestata per spaccio di stupefacenti dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Napoli Centro. Erano le 3:30 circa in vico del Consiglio quando un 47enne già noto alle forze dell'ordine, è stato sorpreso a cedere a due “clienti” una dose di cocaina. Nella sua abitazione anche 415 euro in contante ritenuto provento illecito. Contestualmente è stata denunciata anche la moglie del 47enne, presente in casa durante la cessione di droga.

Blitz alla comunione

Nei quartieri Posillipo, Mergellina e Bagnoli i militari della compagnia locale hanno sanzionato 9 persone per violazione del coprifuoco. È stato sciolto un assembramento di circa 250 persone, riunitesi sul Belvedere prospiciente alla chiesa di Sant'Antonio a Posillipo. Con il supporto tecnico dei militari del NAS sono stati controllati 2 ristoranti in Piazza Sannazzaro. I legali rappresentanti dei locali sono stati sanzionati con una multa di mille euro per mancanza di minimi requisiti igienico sanitari e strutturali. Chiuso per 5 giorni un locale per cerimonie in via Manzoni dove erano in corso i festeggiamenti per una prima comunione. Il titolare e i 15 invitati sono stati sanzionati per violazione alla normativa anti contagio. Controlli serrati alla circolazione anche nel rione sanità. 29 le contravvenzioni al codice della strada notificate ad altrettanti in motociclisti, 7 solo per mancato utilizzo del casco. 18 le due ruote poste sotto sequestro o Fermo. E ancora nel quartiere Vomero i carabinieri hanno sanzionato 6 persone per violazione del coprifuoco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli a tappeto in ristoranti e ville, interrotta comunione dai carabinieri: multati invitati e titolare

NapoliToday è in caricamento