menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Compost

Compost

Compostaggio, Sel replica a Commons "Nessuna ambiguità"

L'area Nord del partito risponde alla Rete: "La nostra posizione subito chiara: sì a questo tipo di impianti e al ciclo virtuoso dei rifiuti. Fondamentale la relazione tra giustizia sociale e beni comuni"

Arriva rapidissima la prima risposta politica agli "attacchi" rivolti dalla Rete Commons circa le posizioni assunte da vari partiti relative all'impianto di compostaggio che dovrebbe sorgere a Scampia ed espressi  in un comunicato Commons pubblicato ieri mattina.

A rigettare immediatamente l'etichetta di poca chiarezza e ribadire il proprio "sì" al digestore è l'area nord di Sinistra Ecologia e Libertà, che già una ventina di giorni fa aveva dichiarato che la pratica del compostaggio è da appoggiare e che la cosa fondamentale è sensibilizzare e coinvolgere i cittadini su un tema di tale importanza.

"Alcuna ambiguità per noi di SEL sul compostaggio e sulla democrazia dei beni comuni. Per noi un’evidente relazione tra giustizia sociale e beni comuni" ripete Stefania Fanelli della segreteria provinciale di Sel a nome dell'area nord del partito. "Per la lealtà che ha sempre contraddistinto i rapporti con la rete commons - spiega ancora Fanelli - mi corre l’obbligo di rispondere alla richiesta dei compagni, della rete Commons , sulla chiarezza  in merito alla posizione dell’impianto di compostaggio a Scampia e  sul tema dei eni comuni".

Una posizione da subito chiara: "Abbiamo avvertito l’esigenza di appalesare subito la nostra posizione in merito all’impianto di compostaggio a Scampia - continua Fanelli - proprio  per arginare il pericolo della strumentalizzazione politica , della demagogia,della cattiva informazione e del poco coinvolgimento dei cittadini . La posizione sull’impianto di compostaggio l’abbiamo espressa nei primissimi giorni (18/07/2012) anzi siamo stati per molto  ma molto tempo gli unici ad aver espresso  un’idea chiara e netta.  La nostra posizione è stata pubblicata sui molti giornali locali. Ed è quella la posizione non di SEL Marano, ma di SEL AREA NORD( MARANO, MUGNANO, VILLARICCA, GIUGLIANO CHI-SCAMPIA con un particolare impegno del circolo di Chiaiano-Scampia) DEL FORUM AMBIENTE DI SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ NAPOLI DELLA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI SEL. Noi sosteniamo una diversa gestione dei rifiuti , un  ciclo virtuoso in netto contrasto con quello  integrato che si conclude con le discariche e gli inceneritori.

L'impegno nel tempo: "Come SEL area nord è da anni che chiediamo studi di fattibilità per gli impianti di compostaggio  comprensoriali. Abbiamo altresì ben espresso la nostra idea del compostaggio, del recupero dell’agricoltura, dell’intera filiera dei rifiuti in un incontro tra partiti e movimenti qualche giorno fa a Chiaiano. Non abbiamo ambiguità alcuna . Sono anni che stiamo in queste vertenze attraverso le lotte ma anche le proposte politiche concrete. E’ Storia questa.

La vicinanza ai movimenti: "Il nostro impegno è volto a cogliere le istanze e le esperienze, anche dolorose, cha dai territori hanno inciso nella carne viva del paese. In questo senso intendiamo essere parte integrante, come di fatto lo siamo, di quei movimenti che in questi ultimi anni hanno risvegliato le intelligenze collettive  dai movimenti dei lavoratori, con la Fiom, dai movimenti degli studenti , dai movimenti dei beni comuni dai movimenti contro le grandi opere. Molti attivisti di questi movimenti hanno il volto di compagne e compagni di Sinistra Ecologia Libertà.  E proprio con i compagni di rete commons  molte di queste vertenze abbiamo condiviso. Non c’è un tema che non abbiamo portato avanti  insieme ma anche con la nostra autonomia ed identità di partito ,dalla grande straordinaria campagna  raccolta firme per il referendum sull’acqua, al sostegno delle ragioni della Fiom,  alle proposte politiche per un ciclo virtuoso dei rifiuti".

Rapporti con forze sociali e partiti: "In merito pero’ ai rapporti con  altri partiti  riteniamo che ognuno debba fare la propria parte.  La coerenza deve appartenere a tutti non solo ai partiti. Noi crediamo sia importante che si crei una colazione  sociale prima ancora che politica  tra tutte le organizzazioni della sinistra fatta da partiti e movimenti. Ognuno sceglierà  lo strumento  che riterrà  piu’ opportuno per rappresentare le istanze sociali. Abbiamo realizzato una contaminazione ,in questi anni ,tra comunità, istituzioni, partiti e movimenti".

La replica a Commons arriva anche da Mario Imbimbo, del coordinamento regionale SEL ed esponente del circolo mugnanese del partito: "In merito alle ultime dichiarazioni della Rete Commons e dei Comitati sul compostaggio e sulla presunta cattiva informazione dei partiti - spiega Imbimbo - vorrei provare ad ampliare il ragionamento di Stefania Fanelli nostro responsabile provinciale all'ambiente. Essendo parte sia del Coordinamento regionale di SEL che un esponente di SEL Mugnano proverò a svolgere alcune riflessioni tanto generali quanto particolari. SEL Campania è frontalmente contraria al piano regionale dei rifiuti che prevede solo discariche ed inceneritori. E' favorevole invece ad un ciclo virtuoso che preveda la costruzione di tutta l'impiantisca intermedia, siti di compostaggio inclusi ovviamente. Quindi da parte nostra nessuna ambiguità o cattiva informazione. Ciò che chiederei a tutti quanti si impegnano sul tema ambientale è una maggiore cura delle parole e delle differenze. Differenze e sensibilità diverse che esistono nell'ambito dei partiti e che devono essere colte. Una contrapposizione fra movimenti e partiti non esiste nella realtà e non deve essere alimentata. Dobbiamo invece, io credo, alimentare una contaminazione ed un reciproco ascolto. Su questi temi in particolare è necessaria la massima unità possibile. Per questo sul territorio di Mugnano d'intesa sia col PD che con il Sindaco abbiamo promosso la RAS (Rete Ambiente e Sviluppo) dentro la quale convivono sensiblità diverse ma che hanno affermato, contrariamente alle direttive nazionali dei partiti di appartenanza nel caso del PD, un NO secco a discariche e inceneritori. Queste differenze vanno colte e valorizzate. E' vero che sul compostaggio vi sono state posizioni ambigue ma mi pare anche che stiano però evolvendo in senso positivo nelle ultime ore. Serve il contributo di tutti. In primis dei Comitati che sono parte indispensabile di questa battaglia, ma non possiamo permetterci di escludere nessuno. Dobbiamo dialogare con tutti con pazienza e senza proclami. Mugnano, e tutta l'area Nord, avrà un futuro migliore solo se sapremo costruire con pazienza e con tutti una vera alternativa possibile

E proprio da Mugnano arriva anche la voce del Consigliere Comunale Mauro Romualdo a sottolineare l'importanza della costruzione di impianti di compostaggio, "vero preludio ai "rifiuti zero" e necessario appoggio ad una raccolta differenziata spinta". Romualdo auspica la costruzione di molti impianti del genere anche nei comuni limitrofi a Napoli e nello specifico di quello che dovrebbe sorgere nel quartiere di Scampia, al quale è ampiamente favorevole, il consigliere è dell'idea che anche Mugnano, paese confinante con l'area d'interesse del digestore, possa usufruirne. "E' necessario comprendere che solo così si fanno i passi avanti auspicati durante le lotte che il territorio ha portato avanti contro discariche e inceneritori, vero pericolo per la salute della cittadinanza" ha ribadito il consigliere e medico mugnanese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cura della persona

    Come usare il blush per riequilibrare la forma del viso

  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento