Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Piazza Municipio

Compostaggio, il sindaco di Mugnano:"Sì agli impianti virtuosi senza incertezze o ambiguità"

Porcelli: "Chi continua ad essere ambiguo sul tema è contro tutti quei cittadini stanchi di vedersi trattati come la pattumiera d'Europa ed avviliti dalle malattie che stanno devastando la nostra Regione"

Giovanni Porcelli, sindaco di Mugnano di Napoli

Ipotesi impianto di Compostaggio a Scampia: arriva un altro netto sì a questo tipo di impiantistica dal sindaco della limitrofa Mugnano, Giovanni Porcelli.
Fa chiarezza il primo cittadino, non solo per rispondere al comunicato della Rete Commons, ma anche per ribadire che a Mugnano si è intrapresa da tempo una strada che mira al ciclo virtuoso dei rifiuti.

La cittadina a nord di Napoli, che raggiunge mensilmente anche il 65% di raccolta differenziata (correlata da un'ottima isola ecologica che accoglie praticamente qualunque tipo di materiale), sarebbe particolarmente interessata dalla costruzione del digestore anaerobico visto che l'area in cui dovrebbe sorgere la struttura è proprio al confine con Mugnano.

"In questi due anni di amministrazione ho fatto di determinate  "scelte di campo ", sotto l' aspetto amministrativo, la " bussola " del mio amministrare" Ha spiegato sulla sua pagina di facebook il sindaco Porcelli.
"Su certi temi (tutela dei più deboli, tutela del territorio, contrasto della criminalità organizzata...) - ha continuato il primo cittadino - mai ho avuto e mai avrò tentennamenti. Per ciò che riguarda la tutela dell'ambiente e la realizzazione di un altro modo di concepire lo smaltimento dei rifiuti, sarebbe riduttivo ed anche banale stare qui a ricordare le azioni concrete messe in campo dal sottoscritto in questi due anni di amministrazione. Dalla raccolta differenziata alle battaglie per la chiusura della discarica di Chiaiano, dall' apertura dell' isola ecologica agli interventi di contrasto del fenomeno dei roghi tossici, il "ciclo virtuoso dei rifiuti" non può solo essere professato ma deve vedere ognuno di noi materialmente impegnato per la sua attuazione.

I siti di compostaggio e i digestori anaerobici appartengono a quella impiantistica virtuosa che va immediatamente realizzata in questa regione che già sconta decenni di ritardi.

Il mio rammarico più grosso, per come è stata gestita la situazione di Scampia, è legato al fatto che anche la persona più sprovveduta ed inesperta poteva e doveva immaginare che una scelta simile non bisognava calarla dall' alto, senza il coinvolgimento della gente del posto e delle amministrazioni limitrofe. Tutto ciò era ancora più necessario in un quartiere ed in un' area che si vede negare da sempre anche i più banali ed elementare diritti di un vivere civile. Ciò non toglie che sul tema non ci può essere ambiguità : No ad un piano che boicotta la raccolta differenziata e la riduzione dei rifiuti a monte, a vantaggio di discariche e inceneritori (appannaggio di speculatori e mafiosi), sì ad un ciclo virtuoso dei rifiuti ed all'impiantistica ad esso correlato. Chi è di altre opinioni o continua ad essere ambiguo sul tema, non è contro i comitati o la rete commons ma è contro tutti quei CITTADINI stanchi di vedersi trattati come la pattumiera d' Europa ed avviliti dalle malattie che stanno devastando la nostra Regione".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Compostaggio, il sindaco di Mugnano:"Sì agli impianti virtuosi senza incertezze o ambiguità"

NapoliToday è in caricamento