rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Torre annunziata

Insediata la commissione d'accesso al Comune di Torre Annunziata

Dopo gli episodi di tangenti all'ufficio tecnico, il prefetto ha inviato gli ispettori

Si è insediata questa mattina la commissione d'accesso inviata dal prefetto a Torre Annunziata. Dopo i recenti episodi di corruzione all'interno dell'ufficio tecnico comunale, sono arrivati gli ispettori chiamati a rilevare eventuali anomalie nell'azione amministrativa. Duri i commenti di alcuni esponenti politici avversi al sindaco di Torre, Vincenzo Ascione. 

"La decisione del ministero degli interni di insediare una commissione d'accesso al Comune di Torre Annunziata segna la fine dell’esperienza della giunta guidata dal sindaco Vincenzo Ascione. Scelta del Viminale inevitabile dopo gli sviluppi delle inchieste della magistratura sui molteplici episodi di corruzione accertati nella macchina amministrativa. Un atto dovuto di fronte ad un fenomeno ampio ed esteso. Crediamo, a questo punto, che il sindaco Ascione per il bene di Torre Annunziata e dell'intera comunità debba rassegnare le dimissioni e consentire così di voltare pagina e avviare una stagione nuova per Torre Annunziata e chiediamo alla magistratura di continuare il rigoroso lavoro intrapreso. Torre Annunziata è ferma. La caparbietà del sindaco di stare in trincea e voler resistere a tutti i costi ha avuto un effetto boomerang: la tempesta ha travolto tutti e nel frattempo i mali della città si sono drammaticamente acuiti. A Torre Annunziata la democrazia si è indebolita e certamente la presenza dei commissari prefettizi indebolirà ancor di più la giunta Ascione. I commissari che sono stati inviati dal Prefetto di Napoli dovranno fare chiarezza dopo gli episodi di Tangentopoli al Comune ed accertare eventuali fenomeni di infiltrazioni e di condizionamento di tipo mafioso. Non c’è più tempo da perdere. Bisogna schierarsi e avviare un rinnovamento radicale". Lo afferma in una nota il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto.

“L’insediamento della Commissione d’accesso al Comune di Torre Annunziata era assolutamente necessario alla luce dell’ultima inchiesta su una gravissima vicenda che riporta alla memoria gli anni tristi di Tangentopoli e della Prima Repubblica. Il lavoro dei commissari prefettizi, di pari passo a quello della magistratura antimafia, è fondamentale per fare chiarezza sugli episodi di tangenti e su presunti fenomeni di infiltrazioni e di condizionamento di tipo mafioso, oggetto dell’indagine degli inquirenti. Auspico, per questo, che si faccia al più presto piena luce su una vicenda che getta un’ombra inquietante sul lavoro dell’amministrazione cittadina, ma anche su una comunità composta dalla stragrande maggioranza di persone oneste che da anni si battono per staccarsi di dosso l’etichetta di città della camorra”. Così il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Luigi Cirillo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insediata la commissione d'accesso al Comune di Torre Annunziata

NapoliToday è in caricamento