rotate-mobile

Emergenza debiti, Confesercenti: "Cinquantamila commercianti soffocati dai prestiti"

Dopo il suicidio di un noto esercente, scatta l'allarme tra i piccoli imprenditori. L'organizzazione di categoria: "Venite a parlarne con noi, troveremo una soluzione"

Il suicidio di un noto fotografo napoletano, soffocato dai debiti, ha aperto uno squarcio sul dramma che stanno vivendo decine di migliaia di commercianti. Che siano bancari o a strozzo, i prestiti stanno divorando un'intera categoria. Secondo Confesercenti Napoli, su oltre 500mila soci, sono almeno 50mila quelli che soffocano sotto il peso di impegni che non riescono a mantenere. "Era già difficile prima - afferma il presidente Vincenzo Schiavo - da 10 mesi, con il Covid è diventato impossibile. Se un negoziante incassa 100 non può pagare 200, è matematica. Molte persone devono soldi alle banche, ma c'è qualcuno che si è impigliato nelle maglie della criminalità. A questi commercianti dico di venire a parlare in Cinfesercenti, perché una soluzione la troviamo insieme". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Emergenza debiti, Confesercenti: "Cinquantamila commercianti soffocati dai prestiti"

NapoliToday è in caricamento