rotate-mobile
Cronaca

Colpito da DASPO, ma non va allo stadio dal 1991: lo strano caso di un imprenditore napoletano

La denuncia dell'uomo che non sa darsi una spiegazione

Scopre di avere un Daspo ma è dal 1991 - da quando aveva 15 anni - che non va allo stadio. Stupore e delusione, a Napoli, per un tifoso azzurro 47enne, che hascoperto tutto mentre cercava di prenotarsi, con tanto di regolare tessera del tifoso, un ingresso allo stadio Maradona per vedere la partita Napoli-Fiorentina.

"Non mi capacito - spiega il 47enne - sono un tifoso del Napoli da sempre ma sono anni e anni che non vado allo stadio, che all'epoca si chiamava San Paolo". L'uomo, come riporta l'Ansa, sostiene che non essere mai stato coinvolto in scontri con altre tifoserie o con la Polizia: "Non faccio parte di nessun gruppo ultrà eppure, dal responso che mi è stato notificato mentre cercavano di acquistare un ingresso per giovedì, pare che sulla mia testa penda questo divieto che ora mi costringerà a vedere l'agognata partita a casa".

L'imprenditore napoletano che da anni vive a Roma, ha subito avvertito il suo avvocato al quale ha chiesto di inviare una pec di protesta alla società che gestisce la compravendita dei biglietti on-line e anche al Calcio Napoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpito da DASPO, ma non va allo stadio dal 1991: lo strano caso di un imprenditore napoletano

NapoliToday è in caricamento