"Nessun collegamento tra Etna e Vesuvio": a NapoliToday il presidente dei Geologi

Francesco Peduto, presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, smentisce possibili collegamenti tra l'attività tellurica nella zona dell'Etna e il Vesuvio. "Sono due sistemi differenti"

"Non esiste alcun collegamento tra l'attività eruttiva e tellurica dell'Etna e il Vesuvio": lo afferma a NapoliToday il presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Francesco Peduto. L'ipotesi di un eventuale "canale" che colleghi i due vulcani meridionali aveva allarmato i cittadini napoletani dopo la notizia del sisma 4.8 di magnitudo che questa notte, a nord di Catania, ha provocato ingenti danni e causato il ferimento di dieci persone. 

TERREMOTO A CATANIA, DIECI FERITI

"Il collegamento può essere supposto tra Etna e Stromboli. In questo caso si è notato", spiega Peduto, "che le due attività talvolta coincidono. Bisognerà studiare e approfondire queste coincidenze. Ma può essere senza dubbio escluso il collegamento tra vulcani siciliani e Vesuvio. In questo caso, infatti, non c'è alcuna supposizione, non ci sono coincidenze che spingerebbero a ipotizzare tale connessione". La rete di sorveglianza all'avanguardia, però, "consente di monitorare costantemente le attività dei vulcani italiani. Purtroppo nel nostro paese non manca nessuno dei cosiddetti georischi. Bisogna quindi pianificare e prevenire, essere sempre pronti", conclude il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Francesco Peduto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, quali sono i sintomi spia e cosa tenere in casa: risponde il medico di base

  • Tutto sulla dieta che ha restituito a Fiorello la sua forma smagliante

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • Cade dal balcone di casa: 40enne trasportata in gravi condizioni in ospedale

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

  • Il Tar boccia il ricorso contro l'ordinanza regionale: le scuole restano chiuse

Torna su
NapoliToday è in caricamento