menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Code agli sportelli: ecco quanto attendono i cittadini campani

In Campania nel 2015 sono 59,2 su 100 le persone che si sono recate presso le ASL e hanno atteso più di 20 minuti agli sportelli. Va meglio, invece, ai cittadini campani che si sono recati presso uno sportello dell'Anagrafe

Sebbene molti documenti si possano ormai scaricare dal computer di casa, negli ultimi 20 anni la coda agli sportelli pubblici ha continuato ad aumentare.

Se nel 1995, per prenotare una visita specialistica, per richiedere la copia della cartella clinica, per ritirare i referti degli esami di laboratorio, per il rilascio degli attestati di esenzione dei ticket, 33,8 persone ogni 100 hanno dovuto attendere più di 20 minuti agli sportelli della propria Asl, venti anni dopo la 'coda' è aumentata di 18 persone. Nel 2015, infatti, gli utenti in fila in media sono saliti a 52,2, con una crescita del 54,4%.

Questo è quanto emerge dall’elaborazione condotta dall’Ufficio studi della CGIA Mestre, su dati emersi dalle varie Indagini Multiscopo realizzate annualmente dall’Istat sulle famiglie italiane, che dimostra ancora una volta come la burocrazia costituisca uno dei principali ostacoli con cui gli italiani devono fare i conti ogni giorno.

“Nonostante la diffusione dell’informatizzazione abbia consentito di aumentare la produttività del sistema pubblico – afferma il segretario della CGIA Renato Mason - in molti uffici la fila agli sportelli non è cresciuta per colpa di chi ci lavora. Sono gli effetti di leggi, decreti e circolari scriteriate che, spesso in contraddizione tra loro, hanno aumentato la burocrazia complicando non solo la vita dei cittadini e delle imprese, ma anche quella dei dipendenti pubblici”.

In Campania nel 2015 sono 59,2 su 100 le persone che si sono recate presso le ASL e hanno atteso più di 20 minuti agli sportelli. La nostra regione si piazza al settimo posto nazionale, alle spalle di Abruzzo, Lazio, Sardegna, Calabria, Sicilia e Puglia, tutte con dati peggiori. Nel 1995 erano 39,1 su 100 le persone che avevano atteso più di 20 minuti agli sportelli delle ASL in Campania, mentre nel 2005 erano 44,3.

Va meglio, invece, ai cittadini campani che si sono recati presso uno sportello dell'Anagrafe. Sono 23,7 su 100, infatti, le persone che hanno atteso in fila per più di 20 minuti. Se confrontato con il dato del 1995 (11,3 su 100), in 20 anni la fila, nella nostra regione, si è allungata idealmente di 12 persone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, de Magistris sul contagio: "Zona rossa sempre più verosimile"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento