Racket, la mano dei Montescuro: "Portavano le vittime al cospetto del boss"

Emergono nuovi particolari sulle attività illecite attribuite al gruppo camorristico di via Sant'Erasmo

Emergono nuovi particolari a proposito delle attività illecite attribuite dagli inquirenti a Carmine Montescuro, il boss di 84 anni finito in carcere ieri mattina a Napoli.

Secondo i magistrati, la sua personalità bastava a incutere timore nelle vittime delle pressioni estorsive che operava. Gli portavano di fronte le persone destinatarie delle richieste di "pizzo", per convincerle a pagare.

Il suo clan, radicato in via Sant'Erasmo, secondo gli inquirenti era ormai egemone sia militarmente che economicamente nella zona cuscinetto tra Ponticelli, Gianturco e San Giovanni.

Carmine 'o Munuzz: il paciere della camorra

Le vittime delle estorsioni

Tra le vittime del pizzo, anche la cooperativa di ex detenuti Salus. "Si tratta di una corresponsione continua di denaro ottenuto minacciando ritorsioni", scrive il Gip. Tremila euro al mese dati al clan, corrisposti fino a quando la sede della cooperativa si trovava nei pressi della casa del boss.

Altra vittima del racket, era un notaio con due capannoni industriali nel rione del clan. Questi erano affittati a cittadini cinesi, e il gruppo camorristico pretendeva una tangente di 100mila euro.

Infine, documentate pesanti richieste di estorsione anche a tre ditte impegnate nella bonifica dei siti della società petrolifera Kuwait Raffinazione e Chimica Spa. In sette, dei Montescuro, avrebbero costretto i quattro titolari delle ditte a pagare da febbraio a maggio 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intercettazione

Emersa anche un'intercettazione, una conversazione all'apparenza particolarmente esplicita tra Montescuro e Nino Argano, un altro degli arrestati. Questi si rivolge al boss parlando della cooperativa Salus. "Io so che pagavano assai e adesso hanno trovato una cosa di meno?". Montescuro risponde: "A noi pagavano 3mila euro al mese?". Infine Argano: "Quando mai, qua pagavano 12mila euro al mese. Ottomila o 12mila euro al mese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • Coronavirus, torna l'obbligo di mascherina all'aperto a Castellammare

  • Quindicenne investita, la verità nella scatola nera dell'auto. Il 21enne: “Sono distrutto”

  • La tragedia di Maya: travolta e uccisa a 15 anni su piazza Carlo III

  • Tony Colombo si esibisce a Torre del Greco: centinaia di persone si scatenano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento