Agguato in pieno giorno in piazza Trieste e Trento, arrestato un 19enne

Secondo gli inquirenti l'agguato dello scorso settembre - in cui venne colpito un 21enne dei Quartieri Spagnoli - è riconducibile alla guerra di camorra tra i clan Saltalamacchia e Elia

La Polizia ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre napoletani, di 19, 22 e 47 anni, tutti pregiudicati, ritenuti responsabili di lesioni aggravata dall'uso di arma da fuoco, detenzione e porto illegale di arma clandestina, detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini della cessione, delitti aggravati dall'articolo 416 bis (per aver avvantaggiato le attività del clan Elia - zona Pallonetto di Santa Lucia). 

Spari in pieno giorno in piazza Trieste e Trento

Le indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Napoli, condotte dalla Squadra Mobile sezione Omicidi, hanno consentiti di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico del più giovane dei tre, D.R., per il ferimento avvenuto la mattina del 23 settembre 2018 in piazza Trieste e Trento: a essere colpito fu un 21enne, ritenuto vicino al clan Saltalamacchia (Quartieri Spagnoli). Il giovane fu poi dimesso con 30 giorni di prognosi. 

Il movente sarebbe, secondo gli inquirenti, riconducibile a una guerra di camorra tra i due clan, Elia e Saltalamacchia, per il controllo criminale di piazza Trieste e Trento. I tre dovranno rispondere anche del possesso di due pistole e di possesso di marijuana, hashish e cocaina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

  • Il Tar boccia il ricorso contro l'ordinanza regionale: le scuole restano chiuse

Torna su
NapoliToday è in caricamento