Cronaca Bagnoli / Via Coroglio

Scontri e proteste a Città della Scienza: salta il concerto del Primo Maggio

In pochi secondi è scoppiato il caos: transenne divelte, paura tra gli spettatori, urla contro i sindacati. Tre agenti di polizia contusi, identificati una quindicina di manifestanti

Gli scontri (N. Clemente/Napolitoday)

Dalla Festa del Lavoro a un vero e proprio scontro. Proteste, violenze e insulti durante il concerto del Primo Maggio a Città della Scienza. Che l'atmosfera fosse tesa si era capito sin dalle prime ore del pomeriggio. La città, sul fronte lavoro, è apparsa sin da subito divisa. Da un lato, a Città della scienza, Cgil, Cisl e Uil parlavano di "priorità del lavoro". Dall'altro, lungo le strade del quartiere di Bagnoli c'erano altri lavoratori che, in corteo, puntavano il dito proprio contro i sindacati. Cassintegrati della Fiat di Pomigliano, lavoratori dell'Irisbus, ma anche attivisti dei movimenti napoletani schierati a favore di una "urgente" bonifica del quartiere di Bagnoli (per anni assediato dall'amianto dell'Italsider) per ore se la sono presa con i sindacati colpevoli, a detta loro, "di non aver ostacolato la chiusura di aziende". Il concetto dei manifestanti era chiaro: "Oggi non c'é nulla da festeggiare, visto che anche a causa dei sindacati, il lavoro è morto".

IL CAOS - Transenne divelte, paura tra gli spettatori, urla contro i sindacati. Da quel momento è stato muro contro muro. Nessun dialogo si é riuscito ad instaurare tra i sindacati e i manifestanti. Gli uni, Cgil, Cisl e Uil "di fronte ad una tale violenza, anche alla presenza di bambini" hanno subito detto un "secco no a ogni forma di accordo con i violenti". Gli altri, i manifestanti, non hanno accettato la proposta di lasciare l'area del concerto a patto che alcuni lavoratori salissero sul palco per spiegare le loro ragioni. E così, per evitare il peggio, si è deciso di interrompere il concerto.

VIDEO: GLI SCONTRI - OCCASIONE DI CONFRONTO MANCATA

IDENTIFICATI 15 MANIFESTANTI - Una quindicina di manifestanti sono stati riconosciuti e identificati dalla Polizia e saranno denunciati alla magistratura per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di persone aderenti al partito dei Carc, ai Cobas e al laboratorio politico Iskra, oltre ad alcuni operai dell'Irisbus. Sempre in Questura si è saputo che nelle prossime ore, sulla base dei referti medici dei poliziotti rimasti contusi negli incidenti, si deciderà se denunciare le persone identificate anche per il reato di lesioni a pubblico ufficiale.


AGENTI DI POLIZIA CONTUSI - Alcuni agenti di Polizia - almeno tre - sono rimasti contusi in maniera lieve.

"UN COLPO VIGLIACCO" - "È stato un colpo vigliacco a sfavore dei lavoratori, dei cittadini e della città onesta e democratica": lo affermano i segretari di Napoli della Cgil, Federico Libertino, Giampiero Tipaldi (Cisl) e Anna Rea (Uil), riferendosi agli incidenti che hanno portato alla sospensione del concerto del Primo Maggio alla Città della Scienza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri e proteste a Città della Scienza: salta il concerto del Primo Maggio

NapoliToday è in caricamento