Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Bagnoli / Via Coroglio

Città della Scienza sarà ricostruita: via libera, firmato il decreto

Il presidente del Senato Pietro Grasso: "Deve risorgere al più presto e a Bagnoli. Il mio è un atto di solidarietà e vicinanza ai lavoratori rimasti senza lavoro, un modo per commemorare qualcosa che è morto ma che deve rinascere"

Città della Scienza dopo l'incendio © Tm NewsInfophoto

Il prossimo passo verso la ricostruzione di Città della Scienza è nel decreto firmato nelle scorse ore dai ministri Profumo e Barca che dà il via libera alla costituzione di un comitato Interistituzionale. Servirà - come ha spiegato il governatore campano Stefano Caldoro che ne aveva annunciato l'arrivo nel primo pomeriggio - a rafforzare la struttura tecnica che lavora per accelerare le procedure per la rinascita del complesso scientifico dando forza e vincoli certi all'azione di coordinamento.

Il comitato, che sarà composto da otto membri, dovrà eseguire entro il 30 aprile la valutazione comparativa delle possibili opzioni di localizzazione, considerando i diversi aspetti amministrativi, urbanistici, finanziari e funzionali, anche in ragione dei tempi necessari. "L'obiettivo - si spiega - è affrontare in un'ottica unitaria i molteplici aspetti indispensabili per la rapida realizzazione di un progetto per Città della Scienza". In attesa di partire con la ricostruzione, Città della Scienza il 10 aprile saluterà la riapertura di un padiglione dedicato ai bambini. Quel giorno dovrebbe esserci anche il presidente del Senato Pietro Grasso che ha voluto manifestare la propria vicinanza al polo museale napoletano con una visita ai luoghi distrutti dalle fiamme. "Farò di tutto per tornare il 10 o l'11 aprile per la riapertura anche se parziale del sito. Mi piacerebbe stare con i ragazzi e fare un giro con loro".

"Città della Scienza - ha detto la seconda carica dello Stato - deve risorgere al più presto e a Bagnoli. Il mio è un atto di solidarietà e vicinanza ai lavoratori rimasti senza lavoro, un modo per commemorare qualcosa che è morto, ma che deve rinascere. Spero - ha proseguito - nella rinascita di questo posto che deve avvenire il più presto possibile. Non si può sottostare al ricatto di chi voleva distruggere questo sito dalla valenza eccezionale. Città della Scienza - ha detto - deve essere ricostruita qui in questa sede, perche è molto più facile ricostruire qui e anche più rapido".


Grasso ha incontrato una delegazione di lavoratori e il presidente dell'Idis Vittorio Silvestrini che gli ha rappresentato la necessità di intervenire in tempi rapidi: "Abbiamo l'esigenza di ripartire in tempi celeri", ha detto il fondatore di Città della Scienza. Il lavoro delle istituzioni è stato sottolineato dal presidente della Campania Stefano Caldoro: "Non si sta perdendo un minuto di lavoro", ha detto il governatore che ha ricordato "la straordinaria solidarietà arrivata da tutta Europa". "Sono segnali incoraggianti - ha affermato - siamo sulla buona strada e mi auguro che col decreto interministeriale si accelerino le procedure". Quanto al dibattito su dove andrà ricostruita Città della Scienza, Caldoro ha osservato: "Deve rimanere qui. Scartata qualunque ipotesi di delocalizzazione, si farà qua nella maniera migliore e più veloce". (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città della Scienza sarà ricostruita: via libera, firmato il decreto

NapoliToday è in caricamento