menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto V.Graniero

Foto V.Graniero

Un anno dalla morte di Ciro Esposito: Scampia ricorda il giovane tifoso

L'iniziativa oggi alle 17 all'Auditorium di Viale della Resistenza. La mamma del giovane sarà presente alla commemorazione: "Non bisogna dimenticare Ciro perché non si può morire per una partita di calcio"

E' passato un anno esatto da quel 25 giugno 2014, giorno in cui Ciro Esposito morì in un letto del Policlinico "Gemelli" di Roma. Il ragazzo, giovanissimo  tifoso azzurro, fu gravemente ferito a colpi di pistola il 3 maggio del 2014, poco prima dalla finale di Coppa Italia disputata tra Napoli e Fiorentina all'Olimpico. Ciro è morto, poi, dopo 50 giorni di agonia. A sparare, per gli inquirenti, fu l'ultras neofascista della Roma, Daniele "Gastone" De Santis.

Oggi Scampia, il quartiere del giovane Ciro, e l'intera città di Napoli ricorda il giovane tifoso con un'iniziativa che si terrà alle 17 nell'Auditorium di Viale della Resistenza. Lo riferisce Pasquale Tina dalle pagine della Repubblica.

Una commemorazione alla quale prenderà parte anche Antonella Leardi, la mamma di Ciro, che a Repubblica spiega che la morte del giovane "non deve essere dimenticata", perché "non si può morire per una partita di calcio". Questo l'importante messaggio che questa coraggiosa madre, nonostante l'enorme dolore nel cuore, porta avanti ogni giorno con grande forza e dignità, promuovendo continue iniziative nelle scuole, e campagne di sensibilizzazione tra i giovani anche con l'aiuto dell'Associazione "Ciro Vive".

Potrebbe interessarti: https://www.napolitoday.it/cronaca/ciro-esposito-anniversario-morte.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/NapoliToday

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, de Magistris sul contagio: "Zona rossa sempre più verosimile"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento