rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023

I quartieri si preparano al cippo: legna ammassata ovunque. Una residente: "Aiutateci"

La denuncia arriva da vicoletto Tofa, a Napoli. Il deputato Borrelli: "Sono pratiche criminali"

Due giorni al 17 gennaio e in molti quartieri ci si prepara al cippo anche se gli incendi di qualsiasi tipo sono stati dichiarati illegali. In molte zone della città si segnalano ammassi di legna che verranno poi utilizzati nella notte di Sant'Antonio. In particolare, una denuncia arriva dai residenti di vicoletto Tofa, nei Quartieri spagnoli, nell'area denominata il campetto: "Hanno fatto un buco nel muro e stanno scaricando di tutto - afferma una donna nel video che pubblichiamo - Quando bruciano i fumi tossici arrivano fin dentro le case. Aiutateci".

Il video è stato pubblicato sulla pagina del deputato di Europa Verde di Francesco Emilio Borrelli: "Continuano ad arrivare segnalazioni da diversi quartieri della città sulla preparazione di enormi cataste di legna, alberi di Natale e anche rifiuti ai quali sarà dato fuoco in occasione della ricorrenza tristemente nota come il Cippo di Sant’Antonio. Un’usanza che nulla ha a che vedere con ricorrenze religiose e con tradizioni culturali ma si richiama esclusivamente a un fare criminale e irresponsabile che vede spesso protagonisti i giovanissimi. In piazza Mercato fervono altrettanti preparativi con giovani che vanno a recuperare dai depositi Asia gli alberi rimossi dalle strade per accatastarli e dargli fuoco. In segno di sfida alle istituzioni i protagonisti di questa inciviltà hanno postato le foto sui social prendendosi gioco dell’azienda. I fuochi del Cippo di Sant’Antonio vanno fermati con ogni mezzo perché costituiscono un pericolo serio per la salute e l’incolumità dei cittadini, oltre a testimoniare, in diversi casi, un segnale di presenza sul territorio dei clan che utilizzano anche questi usi tribali per affermarsi. Ho chiesto alle forze dell’ordine di porre la massima attenzione sui siti segnalati affinchè si riesca a prevenire l’ennesimo scempio”. 

Quartieri spagnoli, piazza Mercato e Rione Sanità sono i luoghi in cui più spesso, il 17 gennaio, avvengono anche scontri tra forze dell'ordine e giovani del posto che cercano di accendere il fuoco. Una prassi che, probabilmente, si ripeterà anche nel 2023.

Sullo stesso argomento

Video popolari

I quartieri si preparano al cippo: legna ammassata ovunque. Una residente: "Aiutateci"

NapoliToday è in caricamento