"Ciao papà l'ho scritta io": l'ex killer pentito del Clan Benforte vuole i diritti d'autore

Bruno Buttone chiede che gli vengano riconosciuti i diritti per la canzone portata al successo da Nico Desideri

Buttone

Bruno Buttone, killer del clan Belforte di Marcianise e oggi collaboratore di giustizia, avanza una particolare richiesta, ossia di vedersi riconosciuti i diritti d'autore per un testo musicale scritto quando si trovava in carcere.

Mentre era recluso a Poggioreale, come scrive Musto sul Mattino, Buttone asserisce di aver fatto recapitare al cantante neomelodico Nico Desideri una sua poesia, dal titolo "Ciao Papà", che ebbe poi un buon successo, dopo essere stata anche musicata.

Ora Buttone chiede che gli vengano riconosciuti i diritti d'autore per quel testo, dichiarando di essere anche legato affettivamente a quella canzone, scritta in onore del padre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

Torna su
NapoliToday è in caricamento