Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Scuole chiuse è il simbolo del fallimento": la denuncia di Chi rom e chi no

L'associazione di Scampia: "La decisione di De Luca vuole mettere una pezza ad altri problemi come i trasporti e il sistema sanitario pubblico in gravissima difficoltà"

 

"La situazione delle scuole chiuse in Campania è insostenibile, perché paradossale è il sistema di accesso ai servizi essenziali. La scuola rischia di essere lo spauracchio contro un sistema fallimentare.  La decisione di De Luca vuole mettere una pezza ad altri problemi come i trasporti e il sistema sanitario pubblico in gravissima difficoltà".

Così in una nota Barbara Pierro, referente dell’Associazione Chi rom e chi no di Scampia. "Su questi grandi temi in questo momento si gioca la partita delle disuguaglianze sociali e si formalizza il modello di esclusione sociale – prosegue Pierro – tra chi può permettersi le cure accedendo al sistema sanitario privato, chi ha una famiglia alle spalle e un sistema articolato che consente agli alunni di provare a stare al passo con la scuola e chi no. Quando in casa poi c'è una disabilità la situazione diventa oltremodo difficile".

"Come associazione ci interroghiamo quotidianamente sulle scelte educative da mettere in campo per costruire risposte efficaci o comunque necessarie per dare risposta ai bisogni di tante famiglie e tanti minori che rischiano di vivere sempre più isolati afflitti da una povertà culturale e materiale.  Anche per questo abbiamo sentito importante come Chi rom e chi no di essere di nuovo in strada questa volta non a Scampia, ma davanti alla Regione per chiedere a chi dovrebbe guidarci di mettere mano seriamente a questa città ripensando le politiche sui temi della sanità, dei trasporti, dell'istruzione, fuori dal palco di turno, misurandosi sulla bilancia delle disuguaglianze e dei diritti  a garanzia di un sistema di welafare che non escluda nessuno, a partire dai più piccoli e vulnerabili".

Critica Pierro anche sulla "...scelta della didattica a distanza, che non funziona. L’accesso ai dispositivi e alla connessione, la convivenza dello spazio abitativo tra smart working e Dad o l’impraticabilità delle stesse abitazioni per sostenere materialmente un collegamento internet e l’acquisto di computer sono problemi che abbiamo denunciato già durante il lockdown di marzo. Lanceremo ufficialmente il progetto nazionale Ip Ip Urrà, finanziato dal Fondo di contrasto alla povertà minorile Con i bambini: saremo insieme ad altre 10 regioni italiane a guardare in avanti e come capofila il 5 novembre  presenteremo questa sfida educativa e comunitaria".

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento