Decreto sicurezza, la Cgil: "A rischio migliaia di posti di lavoro nei centri accoglienza"

L'allarme è lanciato dalla Cgil Napoli: "Una legge iniqua che mette a rischio migliaia di posti di lavoro"

Sarebbero migliaia i lavoratori impegnati nei centri d'accoglienza a rischio licenziamento. Lo annuncia in una nota la Cgil di Napoli: "Dopo l'entrata in vigore del Decreto Sicurezza, molti centri chiuderanno o ridurranno drasticamente il numero delle ore. Un duro colpo non solo per le strutture sicure che consentono integrazione ed educazione, ma anche per il lavoro". 

La Cgil chiede "che vengano messe in atto misure per contrastare i licenziamenti e gli effetti di una legge ingiusta le cui conseguenze ricadono sulle spalle delle lavoratrici e dei lavoratori". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento