rotate-mobile
Cronaca

Morte di Ciro Esposito, indagini chiuse

L'inchiesta è giunta alla fine. De Santis sarà accusato di omicidio e tentato omicidio, mentre i due tifosi azzurri scampati ai suoi proiettili dovranno rispondere di concorso in rissa e lesioni

Si è conclusa l’inchiesta sui fatti di Roma del tre maggio 2014, il tragico giorno in cui – prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina all'Olimpico di Roma – Ciro Esposito fu colpito da un proiettile che gli sarebbe poi risultato fatale.

Il pm Albamonte ha notificato l’avviso di chiusura indagine a Daniele “Gastone” De Santis, l'ultras neofascista della Roma accusato di omicidio nel caso di Ciro Esposito e di tentato omicidio nei confronti di Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, le altre due persone a cui sparò.

I due scampati ai colpi del romanista sono invece accusati di concorso in rissa aggravata e lesioni personali, questo per il danno permanente che sarebbe stato riportato dallo stesso De Santis ad una gamba.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte di Ciro Esposito, indagini chiuse

NapoliToday è in caricamento