Chiusi parchi, ville comunali e circoli: la decisione del sindaco di Acerra

"E’ una stretta necessaria sulle attività sicuramente non necessarie, basata anche sulla difficoltà di controllare effettivamente che all’interno di tutti i circoli i frequentatori osservino le regole", spiega Lettieri

Le decisioni del sindaco di Acerra Lettieri sui contagi nella città della provincia di Napoli. Ecco la nota: 

"Polizia municipale di Acerra proprio in questi minuti sta notificando l’Ordinanza n. 49 con la quale ho disposto la chiusura dei circoli ludico ricreativi sul territorio comunale. Da domani chiusi anche il Parco Urbano e la Villa Comunale di Via Manzoni.

 Disposta la chiusura dei circoli ludico ricreativi sul territorio comunale, allo scopo di contrastare e contenere la diffusione del contagio da Covid-19 sul territorio comunale, con decorrenza da lunedì 12/10/2020 e fino al giorno lunedì 30/11/2020.

Domani saranno chiusi anche il Parco Urbano e la Villa Comunale di via Manzoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ una stretta necessaria sulle attività sicuramente non necessarie, basata anche sulla difficoltà di controllare effettivamente che all’interno di tutti i circoli i frequentatori osservino le regole. Sappiamo molto bene che tutto questo non basta, occorre necessariamente che si osservino comportamenti più rigorosi di distanziamento interpersonale che evitino una chiusura totale di tutto. Voglio fare mie le parole pronunciate qualche giorno fa dal Presidente della Repubblica, Sergio Matterella che ci ha ricordato che “la libertà non è un fatto esclusivamente individuale, ma si realizza insieme agli altri richiedendo responsabilità e collaborazione”. Per combattere il coronavirus non bastano le norme, le ordinanze, i decreti o il controllo, che sono strumenti sicuramente importanti e necessari, ma quello che conta è il comportamento di tutti, nessuno escluso. Dobbiamo essere più responsabili, bisogna evitare contatti ravvicinati e mantenere la distanza di almeno un metro dagli altri, nonché coprire mento, bocca e naso con la mascherina e lavare le mani frequentemente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva la nuova ordinanza regionale: coprifuoco e divieto di mobilità fra province

  • SuperEnalotto da capogiro a Bacoli, vincita da mezzo milione

  • Protesta Whirlpool, operai bloccano l'imbocco dell'A3: auto incolonnate

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

  • Polmonite bilaterale senza patologie pregresse a 32 anni: "Ho visto il mio amore avere fame di ossigeno"

  • Riunione Regioni-Governo: per ora salta il lockdown in Campania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento