menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Similioli e i proprietari di Rimmel

Similioli e i proprietari di Rimmel

Chiude Rimmel, una delle ultime botteghe di dischi a Napoli

"Via Depretis è desertificata, quasi tutti i locali sul nostro marciapiede hanno abbassato le serrande nell'ultimo anno", denunciano i proprietari del negozio

Ha chiuso anche Rimmel, una delle ultime botteghe di dischi a Napoli. Il negozio, situato in via Depretis, era stato aperto 21 anni fa ed era uno dei pochi locali che aveva continuato a vendere ancora Lp su vinile.

"Ovviamente - spiegano i titolari Michele e Antonio Pobish - abbiamo accusato la crisi di questi anni ma anche il degrado di questa strada oramai desertificata. Quasi tutti i locali sul nostro marciapiede hanno chiuso nell'ultimo anno. Noi da quando abbiamo aperto a questo triste giorno di chiusura abbiamo sempre avuto P.zza Municipio con i cantieri aperti e questo ci ha ulteriormente danneggiati perchè c' è poco passeggio. Lasciamo il nostro locale senza aver mai visto nessuna attività da parte dell'amministrazione per valorizzare o tutelare questa strada ed i negozi che la popolavano in passato. Oggi è prevalentemente un' arteria stradale".

"Siamo andati a trovare oggi i titolari e li abbiamo abbracciati - raccontano il leader degli ecorottamatori Verdi Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli della Radiazza che stanno portando avanti da mesi una battaglia in difesa dei locali e botteghe storiche napoletane - con affetto. Che tristezza trovare il loro negozietto totalmente sgombro e senza i dischi ammassati sugli scaffali a cui eravamo abituati. E' l'ennesima bottega napoletana che chiude. L'ennesimo presidio di cultura che scompare in questo mese dopo il Sancarluccio e la libreria Guida. Un altro pezzo di città che chiude per sempre e contribuisce alla desertificazione del nostro territorio. Discorso a parte vale per P.zza Municipio e per i suoi cantieri infiniti che hanno ucciso questo pezzo di città e di cui qualcuno dovrà rispondere prima o poi.Gli egiziani 2500 anni a.C. hanno impiegato meno tempo a edificare la piramide di Cheope rispetto ai lavori di P.zza Municipio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

  • Cronaca

    Lutto per il Gambrinus, è morta la storica cassiera

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento