Cronaca Scampia

Vigilante ucciso a Scampia, polemiche sulla manifestazione in suo ricordo

Umberto De Gregorio di Eav: "Non ci saremo, il Comune non ha messo il nostro logo sui manifesti"

Verrà commemorato domani Francesco Della Corte, la guardia giurata che nella notte tra 3 e il 4 marzo venne brutalmente ucciso nella stazione Piscinola-Scampia della Metro 1 mentre era in servizio.

Sulla manifestazione promossa dal Comune di Napoli, però, è polemica.

Franco Della Corte ucciso da tre minorenni

"Non ci saremo – tuona il presidente dell'Eav Umberto De Gregorio – Manca il logo Eav sul manifesto preparato dal Comune. Eppure noi abbiamo dimostrato con i fatti che non ci siamo dimenticati del povero Francesco e della sua famiglia. Perché proprio Eav, su invito del Presidente De Luca, ha fatto una sottoscrizione e raccolto per la famiglia del povero Della Corte oltre 33 mila euro. Altri solo fumo e parole". "Noi a Scampia ci siamo tutti i giorni – continua ancora il numero uno della holding regionale – Con le opere. Il cantiere della Metro avanza. La nuova piazza è quasi pronta, la rotatoria operativa. Ristrutturiamo anche gli edifici limitrofi. Inseriamo videocamere a tappeto, anche fuori dalla stazione, proprio per evitare che si ripetono episodi criminali come quello che ha colpito il povero Francesco. La nuova piazza di Scampia diventerà un punto di incrocio vitale tra il centro città e l'area nord. Il tutto grazie ai finanziamenti della Regione".

La cerimonia dal titolo "Non ti scordar di me", come reso noto da Palazzo San Giacomo, svolgerà domani presso l'uscita della Metropolitana di Piscinola, alle ore 9.30. Nel corso delle manifestazione la famiglia del vigilante ucciso presenterà il percorso di cultura della legalità che intende destinare alle scuole. Si tratta di “Progetto Franco” dal nome dell'associazione costituita in memoria di Francesco della Corte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilante ucciso a Scampia, polemiche sulla manifestazione in suo ricordo

NapoliToday è in caricamento