Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuovo centro vaccinale al Museo Madre: accoglierà fino a 600 persone al giorno

Nella struttura di via Settembrini si è partiti dagli over 80. Poi toccherà ai fragili, quindi si procederà per fasce d'età

 

Anche la cultura offre il suo contributo alla lotta contro il Covid-19. Al Museo Madre, nel centro di Napoli, l'Asl ha inaugurato una nuova struttura vaccinale. Nel giorno d'esordio si è partiti con la prima dose per 120 over 80 "ma quando si andrà a regime di potrà accogliere fino a 600 persone al giorno" assicura la direttrice sanitaria Mariella Corvino.  

Il Museo, situato nel quartiere San Lorenzo, è stato scelto come location vista l'alta concentrazione di anziani che avrebbero avuto non poche difficoltà a raggiungere la Mostra d'Oltremare. Con la stessa filosofia, a metà della prossima settimana, il 1° aprile, sarà inaugurato un nuovo vaccine center nella fagianeria del Museo di Capodimonte. 

Tra gli over 80 che hanno ricevuto il vaccino, le reazioni sono state tutte rassicuranti e anche chi è arrivato con un pizzico di timore è uscito con il sorriso sulle labbra, felice di poter contare su una protezione dal virus. Si è registrato qualche problema di accesso, soprattutto intorno alle ore 8.30, orario d'apertura. Via Settembrini è una strada stretta a senso unico e la sosta, spesso selvaggia, su entrambi i lati della carreggiata ha causato disagi per chi ha accompagnato i vaccinandi in automobile.

Fonti vicine alla direzione dell'Asl Napoli 1 Centro assicurano che due settimane fa era stata avanzata al Comune di Napoli una richiesta per liberare almeno quattro o cinque posti auto. Richiesta che, evidentemente, non è stata accolta da Palazzo San Giacomo. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento