rotate-mobile
Cronaca Montecalvario / Piazza Montesanto

Funicolare, il Comune vuole abbattere due cedri lungo la linea: "E se servissero a evitare frane?"

Gea-Ets chiede delucidazioni sulle ragioni che hanno spinto il Servizio verde comunale a prendere la decisione

Il Comune di Napoli ha deciso di abbattere due cedri secolari che si trovano lungo la linea della Funicolare di Montesanto, tra le proteste delle associazioni ambientaliste.

Roberto Braibanti, presidente di Gea Ets, chiede che "il Comune di Napoli prima di procedere all’abbattimento renda pubbliche le relazioni tecniche che hanno portato a questo decisione", sperando non sia "la solita Vta, Visual tree assestment, cioè analisi visiva di un agronomo". "Con tutto il dovuto rispetto 'a vista' – spiega Braibanti – si possono fare anche grandi errori, a meno che l’inclinazione, il danno o la tara non sia realmente chiara e visibile sul tronco dell’albero".

Proprio il presidente di Gea Ets ha inviato una pec al Servizio verde del Comune di Napoli. Questo il testo: "In relazione all'abbattimento previsto di due cedri presenti lungo la linea di corsa della Funicolare di Montesanto - di cui sarebbe stato emesso provvedimento autorizzativo da parte del Servizio Verde del Comune - a nome dell'Associazione Gea Ets Aps, chiedo formalmente la sospensione di tale attività: trattandosi di alberi di almeno 50 anni e di pregio, di cui non risulta sia stata accertata e dichiarata ufficialmente la reale pericolosità. Auspicando, come più volte richiesto, quando si prendono in esame operazioni invasive su verde pubblico di pubblicare preventivamente (almeno 30 giorni prima) tutte le notizie e informazioni per la cittadinanza sul sito comunale, esattamente come prescrive la convenzione di Aarhus di cui il Comune di Napoli è firmatario".

La missiva si conclude così: "In attesa di un urgente riscontro alla presente nota, chiedo di ricevere con altrettanta urgenza di ricevere copia della perizia agronomica che certificherebbe lo stato dei due cedri in questione".

Una possibilità è che quei cedri, proprio lì, abbiano una funzione. Lo spiega ancora Roberto Braibanti: "Il cedro nelle sue varie specie (del Libano, Deodara e Atlantica) – racconta – è una possente conifera, con una chioma di grandi dimensioni e un tronco che può raggiungere fino a 30 metri di altezza. Il cedro è un albero anche molto resistente e può vivere fino a 2000 anni.

Ha radici possenti che fanno sì che sia usato anche in suoli ripidi e a rischio di frane, proprio per la sua enorme capacità di mantenere il terreno e di rimanere possentemente legato a esso. Quando fu costruita la funicolare Napoli all’inizio del 1900 probabilmente i due cedri che oggi il Comune di Napoli ha deciso di abbattere, furono piantati anche per queste loro caratteristiche. Non abbiamo prove certe di questo dato, ma la loro grandezza lo suggerisce".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Funicolare, il Comune vuole abbattere due cedri lungo la linea: "E se servissero a evitare frane?"

NapoliToday è in caricamento