Cronaca

Ha vinto la causa, ma l'Inps non dà la pensione alla figlia disabile

Francesca ha una malattia degenerativa che le sta distruggendo il cervello e ha bisogno di continua assistenza, terapie e medicine. Il papà annuncia che si rivolgerà a Mattarella

Nicola Ponticiello è un professionista napoletano che assiste la figlia disabile, affetta da una grave forma di encefalopatia cronica: a causa della patologia cerebrale, incurabile e degenerativa, la sua Francesca è del tutto non autosufficiente.

Rimasto vedovo, in considerazione delle sue ridotte possibilità, su cui hanno inciso anche pandemia e crisi economica, decisamente non sufficienti a fronteggiare le ingenti spese necessarie per Francesca, tra medici, terapie e assistenza h24, Nicola Ponticiello aveva fatto domanda all'Inps di pensione di reversibilità per la figlia disabile. Anche se aveva evidenziato la gravità della situazione, l'Inps però continuava a non lavorare la domanda: per questo il professionista aveva deciso di fare ricorso e si era rivolto all'avvocato Gianni Rubinacci.

E' ormai trascorso circa un anno da quando il Tribunale di Napoli ha accolto il ricorso del papà di Francesca. La sentenza è stata ritualmente notificata all'Inps, sono state inviate decine di pec e Ponticiello, come è riportato in una nota, è andato più volte negli uffici per ottenere la liquidazione della pensione ma, paradossalmente, nonostante tutta l’attività svolta, la pratica non è mai stata lavorata. "Senza un ulteriore intervento assistenziale di natura economica, rischio di non poter più garantire a mia figlia l'assistenza che le serve", dice Ponticiello nella nota, annunciando che scriverà al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell'ultimo disperato tentativo di veder riconosciuto il diritto di sua figlia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha vinto la causa, ma l'Inps non dà la pensione alla figlia disabile
NapoliToday è in caricamento