rotate-mobile
Cronaca

Cassonetti incendiati in città, forse operazione organizzata

Ieri diversi cassonetti dei rifiuti sono stati incendiati al Ponte della Sanità, in piazzetta Volturno, in corso Garibaldi, lungo viale Colli Aminei e a Corso Secondigliano. Gli inquirenti ipotizzzano che, dietro i diversi episodi ci sia una regia

Al Ponte della Sanità, in piazzetta Volturno in corso Garibaldi, lungo viale Colli Aminei e a Corso Secondigliano alcuni cassonetti dei rifiuti sono stati dati alle fiamme. Solo nelle prossimità di piazza Garibaldi sono sei i cassonetti incendiati.

Secondo gli inquirenti, i responsabili sarebbero un gruppo di 20 – 25 persone, anche se al momento nessuno è stato denunciato.

I cassonetti erano stati spinti al centro della strada. In qualche caso, gli incendiari hanno invece scaricato in mezzo alla strada notevoli quantità di pneumatici, per poi bruciarli.

Secondo la polizia municipale, il gruppo degli incendiari ha agito in diversi quartieri della città; sul fatto indaga la Digos e sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno eliminato i roghi.

Gli inquirenti sono convinti che, dietro i diversi episodi che hanno riguardato la città, ci sia una regia. Per ora non si sbilanciano, però, sulla natura di questi atti teppistici: non si esclude che si tratti dei disoccupati organizzati, che spesso, in passato, hanno utilizzato questa tecnica per le loro proteste. Non è esclusa neppure la matrice dell'estremismo politico.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassonetti incendiati in città, forse operazione organizzata

NapoliToday è in caricamento