menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonio Giglio

Antonio Giglio

Parco Verde, il papà di Antonio: "Sono stato minacciato di morte"

L'uomo esce allo scoperto dopo tre anni. La sua famiglia si costituisce parte civile nel procedimento. Il caso potrebbe essere trasferito a Napoli con una nuova ipotesi di reato: pedofilia

"Mi hanno minacciato di morte, per questo solo ora riesco a trovare la forza di chiedere giustizia per mio figlio": Gennaro Giglio, papà di Antonio, racconta il suo dolore. Quattro anni, suo figlio è morto volando giù dal settimo piano dell'edificio in cui un anno dopo sarebbe morta Chicca Loffredo.

"Voglio che venga fatta giustizia sulla morte di Antonio – racconta l'uomo – ora capisco perché all'epoca i familiari della mia ex compagna picchiarono me e i miei fratelli". La sua ex compagna è la mamma di Antonio, quella Marianna Fabozzi compagna dell'uomo finito in carcere per la morte di Fortuna, Raimondo Caputo.

È la stessa sorella di Caputo ad accusare la Fabozzi di aver spinto suo figlio giù dalla finestra. Un motivo per cui c'è stata una nuova delega d'indagine sul caso. E Gennaro Giglio chiede che il corpo del bmbino venga riesumato, costituendosi parte civile nel procedimento. In loro di fesa gli stessi avvocati dei genitori di Fortuna, Angelo e Sergio Pisani. È possibile che la vicenda giudiziaria, per ora un'ipotesi di omicidio colposo a carico della madre, possa essere trasferirta a Napoli ed allargarsi ad una nuova ipotesi di reato: pedofilia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento