menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Caccia al compagno”: chieste condanne durissime per Casapound

Il pm Catello Maresca ha invocato anche otto anni di carcere. “Gruppo criminale”

Sono pesanti le pene richieste dalla procura di Napoli ai danni degli esponenti partenopei di Casapound. Accusati di associazione sovversiva e banda armata sono a giudizio dinanzi alla seconda sezione della Corte d'Assise di Napoli. Alla corte, presieduta da Barbarano, il pm Catello Maresca ha chiesto la condanna di tutti gli imputati a pene che arrivano fino a un massimo di otto anni per i capi dell'organizzazione.

Il gruppo 

È il caso di Enrico Tarantino insieme a cui operavano in posizione di vertice anche Emanuela Florino, Giuseppe Savuto e Andrea Coppola. In tutto, però, sono 34 gli imputati a vario titolo nella vicenda che risale agli 2010 e 2011. Alla costola napoletana di Casapound vengono imputate una serie di azioni violente. Il pm ha ipotizzato che il gruppo avesse fatto diventare la “caccia al compagno” la propria espressione di ideologia politica. Maresca ha definito l'ala napoletana un vero e proprio “gruppo criminale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento