Carolina Sepe, morte cerebrale per la giovane incinta

I medici dell'ospedale Cardarelli, dove la ragazza è ricoverata in coma da domenica sera, stanno facendo ogni sforzo per salvare il feto. Il padre ucciso dal suo vicino, ex guardia giurata, a Lauro

Cardarelli

Appare destinato ad aggravarsi il bilancio della tragedia di domenica sera a Lauro (Avellino) dove Domenico Aschettino, ex guardia giurata di 40 anni, ha ucciso contro un vicino di casa, Vincenzo Sepe, di 44 anni, e ferito quattro suoi parenti al termine di un litigio per motivi di viabilità. La figlia di Sepe, Carolina, di 25 anni, alla decima settimana di gravidanza, ferita da Aschettino con un colpo di pistola alla testa, è praticamente in condizioni di morte cerebrale, anche se non è stata ancora ufficialmente confermato l'avvio formale di tale dichiarazione.

I medici dell'ospedale Cardarelli, dove la ragazza è ricoverata in coma da domenica sera - da quanto si è saputo a Napoli - stanno facendo ogni sforzo per salvare il feto, invece, sono ricoverate la moglie di Sepe, Vincenzina Ferrara, di 42 anni (e' la meno grave tra i feriti) e la suocera, Bettina Crisci, che è in rianimazione. Nell'ospedale Cardarelli e' ricoverato Orlando, fratello di Carolina, che non è in pericolo di vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aschettino - secondo la ricostruzione degli investigatori - ha sparato per uccidere perche' ha puntato ad altezza d'uomo ed ha esploso almeno otto colpi di pistola calibro 9 dinanzi all'abitazione di Sepe, che si stava intrattenendo a chiacchierare con un vicino. Poi si è allontanato per andare a bere alla vicina fontana pubblica dicendo che ora nessuno lo avrebbe più deriso. Alla tragedia sono fortunatamente scampati un altro figlio di Sepe, Carmine, il marito di Carolina e il figlio di due anni della coppia. Vittima e assassino si conoscevano perché abitavano a poca distanza. Gente tranquilla ma Aschettino, che in queste settimane era senza lavoro, si sentiva deriso, pensava di essere oggetto di continui sfottò. L'uomo è stato bloccato dai carabinieri proprio mentre stava raggiungendo la locale caserma: ha confessato ed ha consegnato l'arma con la quale poco prima aveva fatto fuoco. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento