rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022

Bollette bruciate in strada: "Noi non paghiamo"

Manifestazione indetta da Usb con lavoratori precari e pensionati: "Utenze raddoppiate, dobbiamo scegliere se mangiare o pagare e non vogliamo morire di fame". Il segretario De Vincenzo: "Speriamo che la gente riempia le piazza contro la speculazione"

Lavoratori precari e pensionati bruciano le bollette di luce e gas: "Non pagheremo per le vostre speculazioni". Manifestazione indetta da Usb davanti alla sede napoletana di Cassa depositi e prestiti con le prove cartecee dei recenti aumenti dati alla fiamme: "Io l'ho bruciata simbolicamente - afferma un pensionato - ma anche materialmente perché ho sovuto fare una scelta: pagare o mantenere me e mia figlia. Ovviamente ho scelto di continuare a mangiare". 

Usb chiede al nuovo Governo di requisire i "40 miliardi di extraprofitto registrato da 30 imprese che giocano con a borsa del gas ad Amsterdam sulla pelle delle persone - spiega il segretario regionale Enzo De Vincenzo - Se ciò non dovesse accadere è auspicabile che i cittadini riempiano le piazze per dare avvio a una stagione di conflitto sociale". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Bollette bruciate in strada: "Noi non paghiamo"

NapoliToday è in caricamento