Cronaca

Bruciata dall'ex, Carla dopo la condanna di Pietropaolo: "Dovrò fare altri 25 interventi"

L'ex della 38enne è stato condannato a 18 anni di carcere. Le prime parole di Carla

Carla Caiazzo

Paolo Pietropaolo è stato condannato a 18 anni di carcere per il tentato omicidio di Carla Caiazzo, la 38enne date alle fiamme quando era ancora incinta. 

La sentenza è stata emessa dal gup Egle Pilla. Il pm aveva chiesto 15 anni di carcere. L'uomo dovrà anche versare 325 mila euro complessivi di risarcimento: 250mila a Carla e 50mila alla bimba. Il giudice ha disposto infine la sospensione della potestà genitoriale.

LE PRIME PAROLE DI CARLA - "Ma quanto tempo resterà in carcere?" E' questa la domanda che Carla Ilenia Caiazzo ha rivolto al suo avvocato quando il legale le ha comunicato la notizia della condanna comminata al suo ex compagno. Carla infatti non era presente in tribunale al momento della lettura della sentenza, ma più tardi ha dichiarato al Mattino: "Svolgerò un ruolo di ambasciatrice, denunciando i comportamenti di sopraffazione violenta di alcuni uomini nei confronti delle donne, che invece devono essere sostenute, amate. Sono già stata sottoposta a 21 interventi chirurgici che mi hanno dato speranza. Ne devo fare altri 25".

LA DEGENZA – Carla si è rimessa. Lentamente, con difficoltà, spinta dalla consapevolezza di dover restare accanto a Giulia Pia. Il suo volto non sarà più lo stesso: si è sottoposta a numerosi interventi chirurgici – anche costosi, alcuni dei quali sono stati sostenuti attraverso gare di solidarietà – dopo quel drammatico primo febbraio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruciata dall'ex, Carla dopo la condanna di Pietropaolo: "Dovrò fare altri 25 interventi"

NapoliToday è in caricamento