Ancora orrore a Cardito: convince la moglie a trasferirsi in Italia e la picchia

Un cittadino albanese da tempo residente a Cardito ha convinto la moglie e le due bambine a raggiungerlo in Italia. Qui si è manifestata la sua natura violenta: calci e pugni che hanno costretto la donna a denunciarlo

Sono sposati da circa dieci anni. Lui, albanese, lavora in Italia e la moglie, connazionale, viveva e lavorava in Albania. I due si vedevano due volte l’anno e già nel corso delle rare visite in Albania l’uomo aveva mostrato una certa indole violenta. Nel frattempo la coppia aveva avuto due bambine che ora hanno 4 e 6 anni. I due avevano così deciso di venire a vivere a Cardito. In Italia esplode la natura violenta dell'uomo: nel giro di un mese - questo il tempo trascorso dal trasferimento della donna - la moglie subisce numerose violenze nell’abitazione del marito, culminate il 26 gennaio con calci, pugni e con il lancio di uno smartphone che l’aveva colpita all’addome.

ORRORE A CARDITO: "MIO FIGLIO NON E' PIU' MIO FIGLIO"

Indecisa sul da farsi, ancora in forse sul denunciare o no il marito e con lui in casa, la donna ha deciso ieri pomeriggio. Lui è andato al lavoro e lei, approfittando della sua assenza, è uscita in strada con le bambine chiedendo aiuto ai passanti: questi ultimi hanno chiamato subito i carabinieri. Nel giro di pochi minuti i militari dell’arma di Crispano hanno soccorso la signora e le piccole, raccolto la denuncia della donna che con l’aiuto di un interprete ha raccontato tutte le violenze subite e avviato i primi accertamenti. I militari hanno denunciato l’uomo per il reato di maltrattamenti in famiglia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La denunciante è stata affidata ai medici dell’ospedale di Frattamaggiore che le hanno riscontrato vari traumi giudicati guaribili in dieci giorni. La madre e le figlie sono state affidate ai servizi sociali del comune di Cardito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento