rotate-mobile
Cronaca

Cardinale Sepe: "Seria preoccupazione, troppi disagi e sofferenze per i cittadini"

L'Arcivescovo nella sua ultima lettera pastorale esprime apprensione per le condizioni sociali ed economiche della nostra città e aggiunge che la Chiesa di Napoli offre la sua "sincera disponibilità per la rinascita"

Apprensione per la situazione in cui versa la città, per i disagi e le sofferenze dei cittadini: è quanto esprime l'arcivescovo di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, nell'ultima lettera pastorale dal titolo 'Canta e cammina. Una Chiesa adulta per una societa' responsabile'

"Le condizioni economiche e sociali della nostra città destano seria preoccupazione" scrive l'Arcivescovo. "Ad antichi mali se ne sono aggiunti altri dovuti ad una crisi economica che - nata lontano da noi - ha reso ancora più difficoltose le precarie condizioni di vita della nostra gente", osserva Sepe. "Se volessimo solo enumerare le sofferenze e le umiliazioni dei nostri cittadini, ci troveremmo di fronte ad un interminabile, penoso elenco di disagi sociali. Aumenta il numero dei disoccupati e dei senza fissa dimora (barboni), degli emarginati (sconfitti) e dei disperati. Il futuro dei giovani e della città è a rischio".

"La Chiesa di Napoli offre la "sua sincera disponibilità, umile e concreta, per la rinascita di questa grande reltà napoletana e metropolitana" prosegue il Cardinale, che aggiunge "la chiesa napoletana vuole impegnarsi perché il nostro territorio recuperi la sua bellezza sfiorita, perché sia la casa comune di tutti e non una coabitazione di interessi indivualistici e discriminatori". Un interesse, precisa Sepe, che "non è di indole meramente sociologica. Altri, prima e più di noi, hanno messo le loro competenze a servizio della cittadinanza, moltiplicando analisi storiche e diagnosi accurate".
(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cardinale Sepe: "Seria preoccupazione, troppi disagi e sofferenze per i cittadini"

NapoliToday è in caricamento