Cardarelli, impronte digitali contro i furbetti del cartellino

Dal 19 dicembre, il Cardarelli introdurrà i marcatempo biometrici

Dal 19 dicembre, il Cardarelli introdurrà i marcatempo biometrici per i dipendenti. Le impronte digitali in sostituzione dei vecchi cartellini hanno ottenuto le massime garanzie di sicurezza dei dati ma anche di legittimità da parte dell'Authority.

La nota del Cardarelli

"Grazie ad un importante sforzo amministrativo e tecnico, a tutti i dipendenti dell’Azienda ospedaliera basterà la conferma con un dito per iniziare e per concludere il proprio turno di lavoro. Un sistema che prende avvio solo dopo aver ottenuto le massime garanzie di sicurezza dei dati ma anche di legittimità del processo di innovazione da parte del Garante per la privacy. Nel parere si specifica che «l’obiettivo principale dell’installazione del sistema di rilevazione biometrica è di garantire che ogni dipendente registri l’inizio della prestazione lavorativa unicamente per se stesso e non per altri colleghi». Un sistema che, in ultima analisi, sarà a tutto vantaggio della stragrande maggioranza dei cardarelliani, che in questo modo non rischieranno di veder macchiata la propria reputazione da eventuali “furbetti”. Novità per l’utenza La rivoluzione tecnologica che prenderà avvio mercoledì 19 dicembre non riguarda però solo i dipendenti, infatti dalla prossima settimana sarà possibile utilizzare la nuova applicazione e-CUPT, una App che permetterà al cittadino di prenotare comodamente da smartphone, tablet o personal computer le visite specialistiche delle quali dovesse avere bisogno. «Il nostro obiettivo – sottolinea il direttore generale Ciro Verdoliva – è quello di semplificare la vita al cittadino». L’App e-CUPT potrà essere utilizzata da tutti gratuitamente, basterà registrarsi collegandosi col proprio computer all'indirizzo https://prenotazioni.cupt.it/aocardarelli/login, oppure scaricare l’App direttamente dal proprio smartphone su Play Store e i Tunes, e compilare tutti i campi obbligatori. Per effettuare la prenotazione di una visita, dopo aver inserito il codice impegnativa (NRE o SAR) e i dati anagrafici relativi all’assistito per il quale l’impegnativa è stata prescritta dal medico curante, l’App mostrerà all’utente la prima disponibilità per l’erogazione della prestazione da ricevere contenuta nell’impegnativa. L’utente potrà inoltre decidere se prenotarsi in quella data oppure sceglierne una successiva a seconda della propria disponibilità. Inoltre il cittadino che ha prenotato una prestazione sanitaria, se per qualche motivo è impossibilitato a recarsi in ospedale il giorno previsto, potrà spostare la data della visita medica. Sarà disponibile da mercoledì 19 dicembre una clip tutorial sul profilo facebook ufficio stampa Cardarelli. Questa nuova applicazione si aggiunge a quelle già in essere del Call center, attraverso il numero verde 800 019 774 - o recandosi personalmente presso gli sportelli del CUP Cardarelli. Si riuscirà, in questo modo, a snellire anche le linee telefoniche del numero verde del CUP evitando così agli utenti lunghe eattese telefoniche. «Con questo nuovo sistema – dice il direttore sanitario Franco Paradiso – i cittadini potranno fruire di informazioni in tempo reale non solo sulla disponibilità delle prestazioni sanitarie offerte dalla Azienda, ma anche sulla tempistica dell'erogazione delle prestazioni». Il Cardarelli compie così un nuovo passo nella direzione tracciata dal presidente Vincenzo De Luca, che ha fortemente sostenuto quest’implementazione tecnologica".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

Torna su
NapoliToday è in caricamento