rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Cardarelli, allarme cluster di Covid: "Nei reparti ordinari ci sono troppi positivi"

Vengono ospitati - come indicato dalla Regione" - in stanze di isolamento, ma i sindacati lamentano sovraffollamento e assenza di percorsi sporco-pulito. La richiesta è di riaprire la palazzina H

È allarme al Cardarelli per il numero di positivi al Covid presenti nei vari reparti “ordinari”. Lo lanciano i sindacati. Bisognosi di cure per le loro patologie ma senza (o con pochi) sintomi del virus, vengono accomodati nelle “stanze grigie”, isolati ma a pochi metri da persone non affette da Covid e potenzialmente fragili.

Non si tratta di una via propria del Cardarelli ad affrontare la situazione, ma di indicazioni regionali. Fp Cgil, Cisl Fp, Nursing Up e Cobas lamentano questa soluzione come insufficiente ad evitare contagi tra pazienti e personale sanitario, e lanciano lo stato di mobilitazione.

La richiesta dei sindacati

“È inimmaginabile che dopo due anni di pandemia il Cardarelli debba ancora trovare una soluzione definitiva alla gestione dell’emergenza”, scrivono in una nota congiunta. Nel dettaglio contestano “l’assenza di percorsi pulito-sporco nei reparti per garantire l’incolumità di pazienti e operatori” oltre al fatto che “il sovraffollamento tornato a regnare sovrano nelle aree dell’emergenza col rischio di focolai Covid”. La richiesta è che venga riaperta la palazzina H, così da aumentare la ricettività dei positivi.

Dal canto suo il management ostenta tranquillità. Al Mattino, il manager uscente del presidio Giuseppe Longo spiega che “l’impennata dei positivi riguarda qualsiasi ambiente professionale e domestico ma la buona notizia è che sembra sia in corso una stabilizzazione con una stasi dei contagi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cardarelli, allarme cluster di Covid: "Nei reparti ordinari ci sono troppi positivi"

NapoliToday è in caricamento