Alimentava il forno con pezzi di legno con chiodi, solventi e vernici: denunciato panificatore

Blitz dei carabinieri in un panificio di Brusciano: il titolare, un 64enne del posto, alimentava il forno con legna pericolosa per la salute. E' stato denunciato e sanzionato

I militari si sono recati in un panificio di Brusciano dopo aver ricevuto dai cittadini diverse segnalazioni in merito alla fuoriuscita di fumo nero dall'attività. Nel negozio in effetti i militari hanno scoperto diverse e gravi irregolarità. 

Quando sono entrati la panificazione era in corso e il fornaio, un 64enne di Brusciano, stava alimentando il forno ad induzione con pezzi di legna alcuni dei quali avevano dei chiodi conficcati. I carabinieri gli hanno immediatamente imposto di interrompere la cottura del pane (che poi è stato smaltito) e di spegnere il fuoco. Inoltre nei pressi del forno, nel sottotetto e nell’area antistante l’ingresso del panificio erano accatastati 50 quintali di legna trattata con vernici, solventi o colla verosimilmente da gettare nelle fiamme per alimentare il forno ma sono stati sequestrati prima.

Nel panificio i carabinieri hanno inoltre sequestrato 336 confezioni di pelati poiché erano non tracciabili in quanto senza etichette. Sequestrati anche 50 chili di pane privi anche questi della tracciabilità e senza indicazioni sugli ingredienti utilizzati durante la lavorazione.
Il titolare è stato sanzionato per 1.800 euro e denunciato: risponderà di abbandono, smaltimento illecito e combustione illecita di rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Vietato uscire a Natale e a Capodanno fuori dal comune: "Non sarà possibile raggiungere i nonni"

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

  • Sindrome di Kawasaki (o simil Kawasaki): 5 i casi a Napoli

  • Scossa di terremoto nella zona flegrea: l'evento sismico avvertito dalla popolazione

  • Le migliori dieci canzoni su Diego Armando Maradona: la classifica

Torna su
NapoliToday è in caricamento