Carabiniere aggredito a Castellammare, arrivano le pesanti condanne

Cinque condanne sono a 7 anni e 2 mesi e una a 3 anni e 8 mesi. Un settimo presunto aggressore, 17enne con precedenti, è invece ancora in attesa di giudizio

Processati con rito abbreviato a Torre Annunziata, sono stati condannate le sei persone accusate di aver barbaramente aggredito, lo scorso agosto a Castellammare, l'appuntato dei carabinieri Giovanni Ballarò. Cinque condanne sono a 7 anni e 2 mesi e una a 3 anni e 8 mesi.

Ballarò, non in servizio, decise di intervenire per bloccare una rissa scoppiata dopo un tamponamento. Nonostante si fosse qualificato come carabiniere, subì la furia dei centauri, che lo aggredirono anche con un tavolino.

Il video della barbara aggressione

Il giudice ha inflitto 7 anni e 2 mesi a Ferdinando Imparato (nipote di una persona ritenuta elemento di spicco della camorra locale), a Pio Lucarelli (anche lui figlio di un presunto esponente del clan D'Alessandro e secondo gli inquirenti nipote di un boss); Carmine Staiano, Giovanni Salvato e Antonio Longobardi. Tre anni e 8 mesi di carcere invece sono stati comminati a Manuel Spagnuolo.

Un settimo presunto aggressore, il 17enne P.D.M., con precedenti, è invece in attesa di giudizio. Secondo le forze dell'ordine era la persona sullo scooter guidato dal 27enne Ferdinando Imparato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 18 al 22 gennaio (giorno per giorno)

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

Torna su
NapoliToday è in caricamento