rotate-mobile
Cronaca Bagnoli

Campi Flegrei, i risultati delle analisi: "Ridefiniti i confini del vulcano"

Le analisi dei dati raccolti attraverso il Campi Flegrei Deep Drilling Project sono state riportate in uno studio che rivede alcune precedenti teorie sul vulcano flegreo

Sono stati pubblicati i risultati del Deep Drilling Project nei Campi Flegrei, le trivellazioni – negli anni scorsi al centro delle polemiche – effettuate a Bagnoli per studiare uno dei vulcani allo stato delle cose meno conosciuti.

Le analisi (pubblicate sulla rivista ‘Geochemistry, Geophysics, Geosystems’ dell’American Geophysical Union) hanno permesso di ricostruire l’evoluzione dell’attività eruttiva nel settore orientale dei Campi Flegrei fino a 47mila anni fa.

Lo studio descrive la stratigrafia completa del pozzo scavato, profondo 501 metri, alla base della collina di Posillipo e nel territorio del quartiere Bagnoli. “Le informazioni più importanti – spiega Giuseppe De Natale, dirigente di ricerca Ov-Ingv e coordinatore del progetto – sono state ricavate dal rinvenimento nel pozzo dei prodotti delle due eruzioni principali che si pensa abbiano formato la caldera, l’Ignimbrite Campana, di 39mila anni fa, e il Tufo Giallo Napoletano, di 15mila anni fa”.

CONTINUA - LE DUE MAXI-ERUZIONI DEI CAMPI FLEGREI

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campi Flegrei, i risultati delle analisi: "Ridefiniti i confini del vulcano"

NapoliToday è in caricamento