rotate-mobile
Pandemia

Campania in zona gialla e i no-vax tornano in piazza

Dopo il passaggio di colore, annunciate nuove manifestazioni contro campagna vaccinale e green pass

Quindici giorni di preoccupazione e polemiche. Il 2022 è cominciato all'insegna del Covid-19, così come si era aperto e anche chiuso il precedente. L'aumento dei contagi e dei ricoveri ha portato il ministro Speranza ha firmare il decreto per cui la Campania, da lunedì 17 gennaio, lascerà la zona bianca per approdare in quella gialla

Il ritorno dei no-vax

L'inasprimento dei provvedimenti e delle restrizioni e le querelle tra Regione e Governo sul destino della scuola ha risvegliato i moti no-vax e no-green pass che nelle ultime settimane apparivano sopiti. Annunciate, invece, nuove manifestazioni in tutta Italia. Non fa eccezione Napoli. I dissidenti si sono dati appuntamento alle ore 15 in piazza Dante. A darne notizia, la pagina Facebook 'La maschera del popolo sovrano', dove si legge: "Vi chiedo di resistere e di andare avanti. Di aiutare chi ne ha bisogno! Vi aspettiamo tutti 8 e il 9 Gennaio a Marina di Carrara e il 15 Gennaio a Napoli a Piazza Dante ore 15. Un abBracCio a tutti dalla maschera del popolo sovrano italiano!".

Da verificare la partecipazione. Dall'estate a oggi, il fronte no-vax- e no-green pass, almeno a Napoli, sembra a ver perso forza e tutti i presidi annunciati si sono rivelati dei flop. Se l'autunno aveva portato a scendere in strada anche lavoratori e disoccupati, preoccupati dell'introduzione del green pass a lavoro, con l'inverno questa frangia si è spostata su altre tipologie di rivendicazioni, come tamponi e mascherine gratis. Alla mobilitazioni di oggi, 15 gennaio, è annunciato anche il cantante Povia.  

La zona gialla

Il ritorno a un livello d'allerta più grave è stato dettato dall'aumento di contagi e ricoveri. Una decisione presa alla luce del flusso dei dati del monitoraggio di Istituto superiore di sanità (Iss), ministero della Salute e Regioni.

Il passaggio da zona bianca a zona gialla è determinato dal raggiungimento dei tassi di occupazione al 10 per cento per le terapie intensive e al 15 per cento per i reparti ordinari. Inoltre, conta anche l’incidenza del contagio quando supera i 100 positivi alla settimana ogni 100mila abitanti.

Nel pratico cambia poco. In Campania già vige l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto, una delle principali predisposizioni che derivano dal passaggio da zona bianca a gialla. Confermato anche l'obbligo del green pass per i mezzi pubblici nelle città e per i mezzi a lunga percorrenza. Resterà possibile anche uscire dal proprio comune e dalla regione, e negozi e centri commerciali restano aperti e senza limiti d'orario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campania in zona gialla e i no-vax tornano in piazza

NapoliToday è in caricamento