La Campania resta zona gialla: nelle prossime ore le verifiche

Altre cinque regioni finiscono in zona arancione: Abruzzo, Toscana, Liguria, Basilicata e Umbria

A quanto apprende l'agenzia Dire da fonti della Regione, la Campania, almeno per il momento, dovrebbe restare in zona gialla. Questa l'indicazione, non ancora ufficiale, che sarebbe pervenuta dal ministero della Salute all'esito della riunione che ha analizzato i dati delle regioni. È in atto, a quanto si apprende, un'ulteriore verifica dei dati epidemiologici che riguarderà tutte le altre Regioni d'Italia. La giornata di domani sarà interamente dedicata alla situazione della regione Campania, al momento nella fascia gialla di rischio Covid. Il destino dell'Abruzzo, Umbria, Basilicata, Toscana e Liguria è stato già deciso nel corso della riunione al ministero. Diventeranno zona arancione a partire da mercoledì 11 novembre.

Le parole di Marsilio e Toti 

A renderlo noto sono stati sia il presidente dell'Abruzzo, Marco Marsilio che il suo omologo della Liguria, Giovanni Toti. “Il ministro Speranza mi ha anticipato poco fa l’esito della riunione che ha stabilito il passaggio dell’Abruzzo, insieme ad altre quattro Regioni - Umbria, Basilicata, Liguria e Toscana - nella zona arancione” ha dichiarato Marsilio a cui ha fatto eco su Facebook, Toti. “La Liguria da mercoledì 11 novembre diventerà zona arancione per i prossimi 14 giorni. Me lo ha appena comunicato il ministro Speranza. Pur rimanendo perplesso sulla differenza di trattamento rispetto alla scorsa settimana, a fronte di numeri più o meno simili, ritengo sia doveroso non entrare in polemica con il Governo e prendere atto di questa decisione. «Indubbiamente i nostri ospedali sono sotto forte pressione - ha detto Toti - il mondo medico chiede interventi e in queste situazioni riteniamo che il criterio di prudenza debba sempre prevalere”.

“Su Campania si valuta direttamente zona rossa”

"È una valutazione che Speranza mi ha trasmesso oggi pomeriggio con molta correttezza, del resto il Dpcm prevede che si tratti di un atto del ministro della Salute di intesa col presidente di Regione. Ho acconsentito, ho espresso il mio parere favorevole. Siamo 5 regioni, su un'altra, la Campania, si valuta il passaggio che potrebbe essere direttamente al rosso. Entriamo in una fascia che sostanzialmente è intermedia. Con spirito assolutamente costruttivo mi adopererò per il rispetto di queste previsioni del Cts, di cui assolutamente mi fido. Mi adopererò perché i limiti vengano rispettati". Lo afferma il presidente della Regione, Eugenio Giani, intervenendo a Zapping su Radio 1, in merito alla decisione del governo che stabilisce la zona arancione anche per la Toscana. Giani vuole lanciare un messaggio ai cittadini: "Facciamo un sacrificio ora per poterne uscire il prima possibile, un sacrificio che mi impegna ad aumentare l'offerta sanitaria e affinché i comportamenti dei cittadini possano essere virtuosi per poter rallentare il virus". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

Torna su
NapoliToday è in caricamento