rotate-mobile
Cronaca

"Drink no Drunk", il Comune dice no all'abuso di alcool

Tre gli appuntamenti cittadini che si svolgeranno nelle piazze della movida napoletana. Il sindaco: "Bere un bicchiere non fa male, ma i nostri giovani devono sapere che invece ubriacarsi fa male a se stessi e agli altri"

"Drink no Drunk" è lo slogan della campagna di sensibilizzazione contro l'abuso di alcool e per il bere responsabile lanciata dal Comune di Napoli e rivolta soprattutto ai giovani. "Bere un bicchiere - ha detto il sindaco De Magistris - non fa male, ma i nostri giovani devono sapere che invece ubriacarsi fa male a se stessi e agli altri". Secondo i dati della Comunità europea, è italiano il primato dell'età più bassa degli abusi ripetuti di alcool che si attesta ai 12 anni. Per il sindaco, è necessario ascoltare i ragazzi "perché il bere e l'assunzione di sostanze stupefacenti spesso sono il sintomo di un disagio giovanile che va contrastato".

LA CAMPAGNA - Tre gli appuntamenti cittadini che si svolgeranno nelle piazze della movida napoletana. Il 23 marzo in piazza Dei Martiri, l'11 maggio in piazza del Gesù e il 25 maggio in piazza Vanvitelli, all'ora dell'happy hour, i giovani potranno calciare un rigore in una porta allestita e protetta dall'ex portiere del Napoli Gennaro Iezzo. "Pur avendo allungato i tempi della movida - ha spiegato l'assessore alle Politiche giovanili, Giuseppina Tommasielli - questa amministrazione non intende abbandonare i giovani, ma vuole inviare loro messaggi educativi".


I DATI DELLA POLIZIA MUNICIPALE - Secondo i dati forniti dalla polizia municipale, nei primi mesi del 2012 sono già state ritirate 70 patenti per guida sotto l'effetto di alcool e droghe, mentre in tutto il 2011 ne erano stata ritirate 200 per abuso di alcool e 50 per sostanze stupefacenti. "E' necessario - ha aggiunto Bruno Zuccarelli presidente dell'Ordine dei medici, tra i partner della campagna - parlare ai giovani, ma utilizzare il loro linguaggio per il bene della loro salute". Tra i partner della campagna anche l'associazione '15 maggio 2011' costituita dagli amici dei ragazzi che, lo scorso, anno morirono in un incidente in via Petrarca. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Drink no Drunk", il Comune dice no all'abuso di alcool

NapoliToday è in caricamento