menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia

Polizia

Camorra, sequestrati beni da 600mila euro ad affiliato del clan Contini

Sigilli a tre appartamenti a Napoli, in vico II Santa Maria Avvocata a Foria, nella zona dell'Orto Botanico intestati a lui e ai suoi stretti familiari

Agenti della Divisione Anticrimine partenopea hanno dato esecuzione al decreto di sequestro beni emesso dal tribunale di Napoli nei confronti di Salvatore Bosti, 60 anni, condannato il 31 gennaio 2009 dalla Corte di Appello di Napoli, con sentenza resa esecutiva il 6 aprile 2011 dalla Corte Suprema di Cassazione, a tre anni di reclusione per partecipazione all"Alleanza di Secondigliano', cartello di clan di Napoli organizzato dal Edoardo Contini e dai fratelli Vincenzo, Pietro e Maria Licciardi.

Bosti, indicano anche i pentiti, ha gestito attivita' economiche per conto della cosca ed è, per le sentenze, "in primo luogo, uomo di Contini, ma nell'accordo con Campolongo rappresentava anche i Licciardi, i quali peraltro avevano messo a disposizione tutti i punti vendita presenti nel mercato tedesco per consentire la commercializzazione" di falsi trapani Bosh. Sigilli a tre appartamenti a Napoli, in vico II Santa Maria Avvocata a Foria, nella zona dell'Orto Botanico, per un valore complessivo di circa 600mila euro, intestati a lui e ai suoi stretti familiari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Galleria Vittoria, presidio del Pd: "Napoli deve tornare percorribile"

  • Cronaca

    Scavi di Pompei, emerge un carro cerimoniale perfettamente conservato

  • Politica

    De Magistris e il futuro della città: "Sono molto preoccupato"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento