menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le mani della camorra sul mercato dei fiori: sequestrata società

Il clan Cesarano aveva creato una società d'intermediazione che imponeva prezzi e servizi

Continuano le operazioni della Direzione distrettuale antimafia per scovare le collusioni all'interno del mercato dei fiori tra Pompei e Castellammare. Stavolta la guardia di finanza ha sequestrato una società d'intermediazione che secondo l'antimafia era stata creata dal clan Cesarano e che aveva a capo i cognati del boss Luigi Di Martino, detto “o' profeta”.

Secondo gli investigatori la società era completamente asservita ai clan e veniva utilizzata per gestire le attività all'interno del mercato. In pratica, a partire dal 2015, la società si era imposta come mediatrice tra i commercianti e i trasportatori imponendo i propri servizi e prezzi. Il volume d'affari stimato dalla guardia di finanza arriva fino a due milioni di euro nel 2018.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, variante brasiliana: i primi due casi a Napoli

  • Cronaca

    Scavi di Pompei, emerge un carro cerimoniale perfettamente conservato

  • Attualità

    Galleria Vittoria, presidio del Pd: "Napoli deve tornare percorribile"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento