Lunedì, 15 Luglio 2024
L'inchiesta / Torre annunziata

L'Antimafia scuote il Comune di Torre Annunziata: indagato sindaco e un ex consigliere regionale

L'ombra del clan Gionta sull'amministrazione comunale. Raffica di perquisizioni della Dia

Un vero e proprio terremoto, se possibile peggiore di quelli che si sono succeduti a partire dal 2020, sull'amministrazione comunale di Torre Annunziata. A gravare stavolta sulla macchina comunale è anche l'infamante accusa disciplinata dal nuovo reato che risponde al nome di 416 ter: scambio elettorale politico-mafioso. Politici, cioè, che nell'esercizio delle loro funzioni hanno favorito un clan camorristico. È il reato principe alla base dell'inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia che questa mattina ha portato a una serie di perquisizioni domiciliari e negli uffici del Comune di Torre Annunziata. Perquisizioni a cui sono seguiti anche il sequestro di atti e dispositivi elettronici personali.

Coinvolte le massime sfere dell'amministrazione. A cominciare dal sindaco Vincenzo Ascione che risulta indagato e destinatario dell'informazione di garanzia, anche per una perquisizione domiciliare, insieme ad altri politici di spicco. Con lui è indagato l'ex vicesindaco Luigi Ammendola, già arrestato e scarcerato nell'inchiesta sulle mazzette al Comune, l'attuale presidente del consiglio comunale Giuseppe Raiola e il suo predecessore Rocco Manzo. L'assessore al porto Luisa Refuto, l'ex assessore Gioacchino Langella e l'ex capo dell'ufficio tecnico Nunzio Ariano, già condannato sempre per l'inchiesta sulla corruzione al Comune e proprio questa mattina coinvolto in un'altra inchiesta della procura di Torre Annunziata. Indagato anche l'ex consigliere regionale e generale Carmine De Pascale insieme a Francesco Conte e Marco Varvato. 

C'è poi anche la consigliera comunale Maria Oriunto insieme a suo cognato Salvatore Onda, nipote del boss del clan Gionta, Umberto Onda. È proprio questo nome che ha acceso i riflettori dell'antimafia partenopea. I magistrati contestano a vario titolo anche il reato dell'induzione alla corruzione. Le perquisizioni della giornata di oggi fanno parte dell'inchiesta su cui vige l'assoluto riserbo ma che punta sulle dinamiche tra consiglio comunale e formazione di una delle giunte Ascione, sui passaggi dall'opposizione alla maggioranza e su eventuali contatti con membri vicini alla criminalità organizzata torrese. In ogni caso l'inchiesta è assolutamente nella fase embrionale delle indagini preliminari e tutte le persone coinvolte sono protette dalle garanzie di legge e dalla presunzione d'innocenza. Il blitz è scattato questa mattina intorno alle sette e ha riguardato l'ufficio del sindaco, del presidente del consiglio comunale, altri uffici amministrativi di via Provinciale Schiti oltre ad alcune abitazioni personali tra cui proprio quella del primo cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Antimafia scuote il Comune di Torre Annunziata: indagato sindaco e un ex consigliere regionale
NapoliToday è in caricamento