menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Caldoro

Stefano Caldoro

“Chi smaltisce abusivamente scarti industriali è come chi spara”

Lo ha detto il presidente della Regione Stefano Caldoro, intervenendo alla presentazione del libro di Gianluca Abate 'Pomodoro flambé': "Il problema veleni in Campania è serio, ma è circoscritto"

Caldoro non ha dubbi: “I prodotti del settore agroalimentare della Campania sono supercontrollati”. Il presidente della Regione Campania, intervenendo alla presentazione del libro di Gianluca Abate 'Pomodoro flambé', ha sottolineato che “il problema dei veleni in Campania è serio, non può essere derubricato, ma è circoscritto”.

All'incontro moderato da Marco Demarco, tenutosi nel Teatro Mercadante di Napoli, hanno preso parte anche Antonio Limone, direttore dell'istituto zooprofilattico di Portici, e Antonio Marfella, oncologo che ha spiegato come l'emergenza ambientale influisca sulla salute delle persone. 'Pomodoro flambé', ha spiegato l'autore, è un libro “che cerca di segnare una linea di demarcazione tra l'allarme e l'allarmismo, cioè tra l'emergenza ambientale reale da affrontare subito e l'emergenza mediatica che spesso offre spesso il fianco a chi vuole boicottare i prodotti della Campania”.

Durante la presentazione, il presidente della Campania, ha sottolineano i danni che la cattiva informazione ha causato “ai prodotti campani in Italia ma, anche, ai prodotti italiani all'estero”. Danni a suo parere frutto “dell'emotività che si è generata sull'argomento”.
I controlli sui prodotti eseguiti anche dall'istituto zooprofilattico di Portici, illustrati da Limone, infatti, fanno emergere un quadro rassicurante, con livelli di diossina rarissimi, e comunque, in linea con la media nazionale. “Sono stati eseguiti anche controlli sui livelli di cadmio e piombo – ha detto Limone – e sono risultati positivi solo due casi: un cavolo nero di Casal di Principe e una cicoria di Giugliano”.

Il governatore della Campania ha ricordato l'impegno della Regione sul fronte delle bonifiche. Tra gli argomenti affrontati anche quello dell'impiantistica, in particolare per quanto riguarda lo smaltimento degli scarti industriali: “La Campania non ha deficit su questo piano – ha detto Caldoro – Abbiamo piattaforme di conferimento e trattamento per tossici e nocivi, il problema è che non vengono utilizzate perché si devono affrontare dei costi, e gli industriali non intendono farlo”. “Chi non usa questi impianti e scarica i propri rifiuti industriali abusivamente – ha concluso Caldoro – va arrestato, perché viola la legge come chi spara”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento