Cronaca

Calci e pugni alla compagna: in manette un barista

L'uomo la maltrattava da oltre due anni. Durante le indagini è emerso che la donna era stata picchiata e ferita anche durante la gravidanza, ma non aveva mai avuto il coraggio di sporgere denuncia

Violenza donne

I carabinieri hanno arrestato a Sant'Antimo, dopo averlo colto in in flagranza di reato, un barista 31enne del luogo resosi responsabile di maltrattamenti in famiglie e lesioni personali volontarie.

Quando i militari sono intervenuti, a seguito di una telefonata al 112, hanno constatato che l'uomo aveva preso a calci nella sua abitazione la convivente, una cittadina polacca 30enne e sono riusciti a bloccarlo, portando la donna in ospedale. La 30enne ha riportato un ”trauma contusivo alla gamba, alcune escoriazioni e un trauma contusivo all’emitorace sinistro, con prognosi di dieci giorni.

L'uomo maltrattava e picchiava la donna da oltre due anni, sempre per futili motivi, ferendo ripetutamente la 30enne, anche nel quando era incinta del loro bambino che adesso ha un anno. La donna ma non aveva mai avuto il coraggio di denunciare il compagno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci e pugni alla compagna: in manette un barista

NapoliToday è in caricamento