menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il napoletano Cafiero de Raho nuovo Procuratore nazionale antimafia: smantellò il clan dei Casalesi

Succede a Franco Roberti. Cafiero de Raho, 65 anni, ha legato il suo nome al processo "Spartacus" che finì con la condanna all'ergastolo per associazione di tipo mafioso, tra gli altri, di Francesco Schiavone, boss dei Casalesi

Ancora un napoletano alla guida della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo. A Franco Roberti - che va in pensione - succede infatti Federico Cafiero de Raho, 65 anni, eletto oggi dal plenum del Consiglio superiore di Magistratura. Decisiva, ai fini dell'elezione di Cafiero de Raho, il ritiro della candidatura del Pg di Palermo Roberto Scarpinato.

Il nuovo procuratore nazionale antimafia Cafiero de Raho fu nel pool di magistrati che, nel 1993, diedero il via alle indagini che portarono al famoso processo "Spartacus", che durò dal 1998 al 2010 e si concluse con la condanna di molti elementi di spicco del clan dei Casalesi. Furono 115 le persone processate: in sedici casi la condanna fu all'ergastolo. Tra questi Francesco Schiavone ("Sandokan"), Francesco Bidognetti, Michele Zagaria e Antonio Iovine.
Sull'elezione di Cafiero de Raho si è espresso anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris: "Si tratta di un magistrato coraggioso e di grandissima competenza. Ha avuto un enorme ruolo nel contrastare il clan dei Casalesi. A lui esprimo le mie congratulazioni per il prestigioso incarico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento