Trovato il cadavere smembrato di un napoletano in Francia

Era avvolto in un telo di cellophane. Fatali le lesioni craniche provocate da un oggetto contundente

E' di Vittorio Barruffo, un napoletano nato nel 1975, scomparso lo scorso 9 luglio, il cadavere smembrato trovato domenica scorsa da un cacciatore nell'Isere, dipartimento francese della regione del Alvernia-Rodano-Alpi.

Era avvolto in un telo di cellophane, lasciato in un'area boschiva di Charette, a 30 km circa da Bourgoin-Jallieu. Nell'autopsia predisposta dalle autorità locali sono state rilevate "lesioni craniche", causate da un "oggetto contundente", come ha spiegato il procuratore di Grenoble, Eric Vaillant. Come precisa il quotidiano Dauphine' Libe're'. La morte potrebbe essere avvenuta per una emorraggia dopo le gravi ferite subite. Della scomparsa di Barruffo, che viveva in Francia con la compagna italiana, si era occupata anche la trasmissione "Chi l'ha Visto".

 Si indaga per omicidio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Riso e verza: la vera ricetta napoletana

  • Allerta meteo prorogata fino alle 14 di domani: l'avviso della Protezione civile

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

Torna su
NapoliToday è in caricamento